Laziali in prestito – Crecco sorprende Modena, Lombardi si spegne. Giudizio sospeso per Oikonomidis

© foto www.imagephotoagency.it

Crescere, imparare, sbagliare, cadere e rialzarsi. Questa è la vita calcistica dei giovani biancocelesti impegnati in prestito in diverse squadre fino al termine della stagione. Un altro weekend è trascorso e, con la nostra rubrica “Laziali in prestito”, possiamo monitorare singolarmente tutte le situazioni, a partire dai giocatori all’estero. In Francia, troviamo Brayan Perea che non se la passa benissimo al Troyes. Mentre sono fermi Vinicius, Josip Elez e Alvaro Gonzalez per gli stop dei campionati svizzeri, danesi e messicani.

 

SERIE B

 

Crecco – E’ in netta crescita rispetto alle precedenti uscite. Il centrocampista, attualmente al Modena, scende in campo al 15′ per prendere il posto all’infortunato Galloppa. Solo la sfortuna gli nega per ben due volte il gol che sarebbe valso la vittoria sul Cesena.

 

Filippini – Come detto la scorsa settimana, il mercato di gennaio non ha sorriso al giovane Lorenzo. Con l’acquisto di Mammarella, alla Pro Vercelli è aumentata la concorrenza sulla corsia di sinistra. Il terzino romano è quindi rimasto in panchina nella vittoria dei suoi ai danni del Brescia.

 

Strakosha, Pollace, Prce, Tounkara, Oikonomidis & Ronaldo – L’unico aquilotto ad assaporare il verde nel match contro il Pescara è l’australiano Chris Oikonomidis. L’esterno di origini greche però si è fatto vedere poco in fase offensiva, avrà tempo per mostrare tutte le sue qualità. Restano seduti a bordo campo Thomas Strakosha e Ronaldo. Assente dai convocati Gianluca Pollace, ancora ai box Franjo Prce e Mamadou Tounkara.

 

Minala – Non è protagonista del “suicidio” sportivo del Bari al ‘San Nicola’ di fronte al Crotone. Il centrocampista camerunense è rimasto in panchina per tutti i 90 minuti.

 

LEGA PRO

 

Rozzi – Convocato ma non utilizzato l’attaccante ex bomber della Primavera biancoceleste. Dopo aver ottenuto due presenze consecutive, ad Antonio Rozzi viene concesso un turno di riposo.

 

Lombardi – In campo per gli ultimi 180 secondi, difficile lasciare un’impronta decisiva. Il rendimento di Cristiano Lombardi all’Ancona è calato nettamente, non solo per merito suo. Il passaggio di modulo dal 4-3-3 al 4-5-1 lo ha penalizzato, l’allenatore chiede agli esterni maggiore copertura. Ci sono molte giornate ancora per riottenere il posto da titolare.

 

Fiore – Ennesima panchina per Mattia che non spicca il volo come il suo Akragas, alla seconda vittoria consecutiva, questa volta fra le mura del Catanzaro.