L’ex Petras: “Lazio non sottovalutare lo Sparta. Per batterli devi giocare al 100%”

© foto www.imagephotoagency.it

Intervenuto ai microfoni del sito Gianlucadimarzio.com, l’ex calciatore ceco Martin Petras si è reso protagonista di una lunga chiacchierata sullo Sparta Praga, squadra in cui ha anche militato, e prossima avversaria della Lazio negli ottavi di Europa League.

 

Stampa e addetti ai lavori hanno subito esultato quando dall’urna di Nyon è venuto fuori l’accoppiamento tra i biancocelesti e il club ceco ma Petras mette subito in guardia: “Guai a sottovalutarli. Sono un mix di giovani ed esperti, non sarà facile affrontarli. I biancocelesti devono giocare al 100% come contro il Galatasaray per passare il turno”

Petras che militato nello Sparta per quattro stagioni, dal 2002 al 2006 conserva un buon ricordo del club: “Ho giocato lì per quasi 4 anni, ho bellissimi ricordi, ho fatto anche il capitano. Ancora ricordo la partita contro la Lazio nel 2003! Ero in tribuna per un infortunio. Vincemmo 1-0 in casa al 94esimo e ci qualificammo per quarti di finale. Ci pensavo giusto stamattina”.

Lo Sparta è cresciuto molto nelle ultime stagioni: “In Europa stanno facendo benissimo, si giocheranno la partita a viso aperto. Forse non hanno molta esperienza in questo tipo di gare, ma contro il Krasnodar sono riusciti a passare e non era facile”. Su chi bisogna tener d’occhio, l’ex difensore ha le idee particolarmente chiare: Attenzione alle palle inattive, i centrali segnano molto. In Europa sono imbattuti, poi in avanti hanno elementi molto bravi. Fatai, Krjeci, Frydeck. Giocatori creativi, sanno creare spazi e dar fastidio. Fatai è un esterno di movimento, non lo vedi per mezz’ora ma all’improvviso ti fa una giocata”.  E poi c’è Lafata, il bomber: Può mettere in difficoltà la Lazio, segna moltissimo. Nonostante l’età ha rinnovato, è il più importante del club. Ha avuto qualche problema fisico, ma resta letale”.I

Lo Sparta non vuole recitare il ruolo della vittima sacrificale e venderà cara la pelle: Non vogliono perdere – racconta Petras –  i biancocelesti sono considerati una squadra importante, un’ottima vetrina. In casa poi c’è un atmosfera fantastica! Allo stadio ci sono 20.000 persone. Quando giocavamo in Champions hanno sofferto tutti, pareggiammo anche con lo United. Lo ripeto, la Lazio non deve sottovalutare lo Sparta”.