Connettiti con noi

2013

Klose il pescatore: “Una passione simile al calcio”

Pubblicato

su

Il rapporto con il gol è idilliaco, ma Miroslav Klose non è un campione solo nel mondo del calcio, perché un’altra grande passione che sa coltivare molto bene è la pesca. Una passione di cui l’attaccante della Lazio ha parlato ai microfoni dell’edizione tedesca di Eurosport: “Quando vivevo a Monaco mi vestivo con pantaloni di neoprene Watt, stivali di gomma e occhiali da sole per andare con la mosca sui salmoni del Danubio. Non avresti mai creduto che fossi io, anche vedendomi. L’Isar è ancora una delle mie zone preferite per pescare, ma è una zona eccellente anche per rastrelli, ruscello e la trota iridea. Il salmone del Danubio è il pesce più difficile da catturare: ha forza ed è intelligente, riconosce ogni esca, per cui devi guidarlo correttamente, così scatta. La mia pesca perfetta si è verificata una sola volta con un esemplare di due metri, ma sono riuscito a trascinarlo avanti e dietro come voleva”, ha raccontato il panzer tedesco.

Klose ha poi proseguito: “Quest’anno sono stato in Bosnia in vacanza per pescare ed ho preso una carpa a specchio di oltre 20kg: è stata sicuramente la mia più grande cattura. Ma il salmone del Danubio è molto più impegnativo. Mio padre è un pescatore appassionato. Quando avevo 14 anni mi ha portato per la prima volta a pesca: siamo stati nel sud della Francia, siamo usciti in barca fuori Cannes per cercare di catturare tonni e marlin, ma non abbiamo preso nulla. Io però mi sentivo come Titch dentro una grande avventura”.

Un tuffo nel passato per il calciatore teutonico, che mantiene viva la sua passione anche ora che gioca in Italia: “Ho preso la licenza di pesca 15 anni fa, quando giocavo con i dilettanti a Homburg. Un compagno del Kaiserslautern mi aveva chiesto se mi sarebbe piaciuto seguirlo per un tour in un weekend. Ho comprato la mia prima attrezzatura. Mi piace la pace e la tranquillità, la pesca ha qualcosa di meditativo. Se ho un giorno libero ci vado di mattina o dopo il tramonto. Devi essere concentrato ed impegnarti al massimo, come nel calcio. Ora vado a pescare nei pressi di Ostia o al Lago di Bracciano, ma quando la stagione è finita vado anche in Spagna o in Bosnia. Se pesco con gli amici è bello poi mangiare tutti insieme. Niente ha un sapore migliore di un pesce pescato da se stessi: il mio preferito è una cernia alla griglia, cucinato con aglio, limone e rosmarino o una trota fresca affumicata. Io mi porto sempre un piccolo affumicatoio”.

Niente da fare, invece, per il golf: “Ho preso due volte lezioni di golf, ma non fa per me. La pesca non è così noiosa come molti pensano. Come nel calcio, l’adrenalina scorre nelle vene e ci si sente grandi. L’unico giocatore della Germania che era interessato, Anatoly Timoschtschuck giocava con me al Bayern. Lui voleva andare di tanto in tanto, ma non aveva la licenza di pesca. Mia moglie Sylwia potrebbe pensare che sia pazzo, ma io voglio catturare tutti i pesci: l’unico che mi manca, è la glaucomi. Ci sono andato vicino due o tre volte, ma non ha abboccato. Ai miei figli piace la pesca, i bambini la amano. Si sono sentiti grandi e orgogliosi”.

Al principiante basta una canna, la lenza e il galleggiante, un’attrezzatura da 250 euro, ma io voglio provare ogni tecnica e a volte esagero: in più di dieci anni ho comprato circa 40 canne da pesca. L’altro giorno ho comprato una nuova canna da pesca per la carpa. Esce sempre qualcosa di nuovo che costa qualche migliaio di euro. La pesca è come la vita, c’è sempre qualcosa da imparare. Dove mi piacerebbe andare? Nella regione amazzonica: lì ci sono campioni straordinari come ciclidi, pesce leone o pesce tigre e Razor con denti affilati.  Oppure pesca a mosca in Canada. Sto pensando di farlo dopo la fine della mia carriera”, ha spiegato Klose, che poi ha paragonato la sua veste di pescatore a quella di calciatore:Devi aspettare in entrambi i casi il momento giusto, devi imparare ad essere paziente. Non è facile avere  tante occasioni, ma quando si presenta, allora devi essere sveglio e freddo e approfittarne in un secondo. Altrimenti resti con la lenza vuota e senza segnare.