Connettiti con noi

Campionato

Pagelle Lazio Crotone: Caicedo e Luis Alberto i migliori. Immobile stecca ancora

Pubblicato

su

I voti e i giudizi ai protagonisti del match valido per la 27ª di Serie A tra biancocelesti e rossoblu: le pagelle di Lazio Crotone

REINA 6,5 – Salva la Lazio a 15 minuti dalla fine, opponendosi su Rispoli. Incolpevole sui gol del Crotone.

PATRIC 5,5 – Inzaghi gli dà ancora fiducia nonostante le ultime pessime prestazioni, e lo spagnolo appare ancora una volta in difficoltà, pur non spiccando in grandi sbavature.

ACERBI 5,5 – Si fa saltare troppo facilmente da Simy in occasione del pareggio del Crotone. Una serie di interventi decisivi, intervallati da alcune disattenzioni non da lui.

RADU 6,5 – Sul pallone per Milinkovic c’è scritto «spingere», e il serbo non si fa pregare. In fase offensiva è essenziale nel dare una soluzione in più alla manovra biancoceleste. Entra nell’azione del secondo gol con il tocco per Immobile, che poi appoggia a Luis Alberto per la battuta a rete. (dall’83’ PEREIRA s.v Sciupa l’occasione del quarto gol e poco più. Troppo pochi 10 minuti per incidere).

MARUSIC 6 – Dalle sue parti c’è Reca che attraversa un discreto momento di forma. Il montenegrino lo tiene a bada, rinunciando però al consueto apporto in fase offensiva.

MILINKOVIC 6,5 – Capitalizza al massimo il cross al bacio di Radu, battendo Cordaz al volo col piattone. Sesto gol in campionato per il Sergente. Pesano nella valutazione i due gol mangiati davanti a Cordaz nel secondo tempo.

LEIVA 5,5 – Da qualche partita il brasiliano è in fase calante. Soffre la presenza sulla trequarti di Ounas, il spesso e volentieri il Crotone si rende pericoloso centralmente proprio dove agisce l’ex Liverpool. (dal 70′ ESCALANTE 6,5 – Il suo tiro in porta diventa un assist per Caicedo, che batte Cordaz per il 3-2 finale. Dimostra di poter essere una valida alternativa a Leiva).

LUIS ALBERTO 7 – La casella alla voce assist recita ancora zero, ma i gol in campionato diventano 8. Oltre al gol, mette due volte Milinkovic in condizioni di battere in porta, ma il serbo è impreciso.

FARES 5 – Primo tempo senza troppi strappi, spesso supportato da Radu che agisce da vero e proprio esterno. Nella seconda frazione è ingenuo e irruento nel provocare il rigore per il Crotone. (dal 70′ LULIC 6 – Fa rifiatare Fares agendo da quarto di difesa a sinistra quando la Lazio ha bisogno di attaccare. Minuti utili nella gambe verso la migliore condizione).

CORREA 5,5 – Se nel primo tempo sembra poter far male al Crotone con i suoi guizzi, nel secondo annulla ciò che di buono aveva fatto. Si impunta in giocate leziose alla ricerca ossessiva di spazi che non ci sono. (dal 76′ CAICEDO 7 – Quando il gioco si fa duro, Caicedo comincia a giocare. Entra a 15 dalla fine e toglie le castagne dal fuoco come già accaduto altre volte).

IMMOBILE 5,5 – Un primo tempo luci e ombre per il fresco vincitore della Scarpa D’Oro. Comincia fallendo un gol davanti a Cordaz e sbagliando diversi appoggi, ma non fallisce nella sponda a Luis Alberto per il sorpasso Lazio. Secondo tempo sulla falsariga delle ultime uscite: nervoso, impreciso, fuori dal gioco. (dal 76′ MURIQI 6 – Entra sul 2-2 per sfruttare le palle alte. Fa a sportellate con i difensori del Crotone quando la cosa più logica è far salire la squadra).

INZAGHI 7 – Nonostante gli ultimi risultati negativi, Inzaghi non snatura la sua Lazio. Unico cambio rispetto alle ultime uscite l’impiego di Radu sul centrosinistra. Coraggioso nell’effettuare il doppio cambio Correa/Muriqi – Immobile/Caicedo, puntando sulla fisicità dell’ecuadoriano e del kosovaro. Il cambio è azzeccato e il tecnico può tornare a respirare.