Janich: «Alla Lazio serve continuità. De Vrij ha doti da leader, Immobile ottimo acquisto». E su Inzaghi…

© foto www.imagephotoagency.it

Ex difensore della Lazio e del Bologna, prossime avversarie in campionato, vincitore della prima Coppa Italia della storia biancoceleste nel 1958 e di uno Scudetto con il Bologna nel 1963-64, Franco Janich è intervenuto sulle frequenze di Elleradio per parlare del match di domenica: «Lazio-Bologna è una partita tra due squadre che hanno avuto un buon inizio di stagione. Per i biancocelesti si possono aprire degli scenari interessanti. Nel campionato italiano serve continuità e riuscire a vincere incontri come questi diventa fondamentale. Ci sarà qualche defezione, ma se si punta in alto le assenze non possono essere delle attenuanti». Da ex difensore non può mancare un giudizio su Stefan De Vrij: «E’ un grandissimo difensore. Ha doti da leader e ha dato tanta sicurezza all’intero reparto. A volte non basta essere forti per comandare una difesa. Lui abbina entrambe le cose». Sulla Lazio di Inzaghi invece: «Credo che stia facendo molto bene. Forse qualche vittoria non è stata frutto di un grande gioco, ma nel calcio contano i risultati e ad oggi stanno arrivando. Mi sembra un ragazzo molto pratico, è riuscito a creare un gruppo affiatato, cosa molto rara al giorno d’oggi». Un commento poi su Ciro Immobile: «Mi piace molto, è un grande attaccante. Come tutti i meridionali ha tanta grinta e uno spirito sempre positivo. Lo si vede dal modo in cui lotta in campo. La Lazio ha fatto davvero un ottimo acquisto». Infine un ricordo della Coppa Italia del 1958 e di Bob Lovati: «Sono stato solo tre anni alla Lazio da giocatore e aver vinto il primo trofeo della storia della società capitolina è motivo d’orgoglio. Fu in quegli anni che conobbi una splendida persona come Bob Lovati, un uomo con uno spiccato senso dell’umorismo e della competenza e che ha dato tutto per la Lazio».