Il «Justin Bieber» di Formello sale sul palco: Patric conquista la scena e diventa titolare

© foto www.imagephotoagency.it

La risalita di Patric dopo le difficoltà del primo anno. Il «Justin Bieber» della Lazio diventa titolare

Dal momento dell’arrivo in Capitale, sul suo conto ne sono state dette tantissime: «Questo ragazzino sembra Justin Bieber», «Dai capelli mi ricorda tanto Mendieta». Patricio Gabarrón Gil, meglio noto come Patric, ha davvero una passione per la musica, gioca anche sulla fascia destra, ma non canta, fa solo di ruolo il terzino. Il classe ’93, cresciuto calcisticamente nella cantera blaugrana, ha assaggiato per la prima volta il calcio professionistico nel 2012 con la maglia del Barcellona B in Segunda Division, esordendo in Champions League con la prima squadra due anni più tardi. Per via del poco utilizzo, e soprattutto della retrocessione in terza serie della seconda squadra catalana, decide di non rinnovare il contratto con il club che lo ha allevato.

L’ARRIVO SILENZIOSO – Il suo futuro si tinge di biancoceleste, la sua nuova città diventa la Capitale. L’inizio però non è dei migliori: la prima gara in Italia coincide con il 4-0 subito dalla Lazio a Verona contro il Chievo, poi si rivide, dopo tante panchine, per un solo minuto a dicembre nella San Siro neroazzurra. Patric non riesce a trovare spazio, la squadra di mister Pioli ha già tanti problemi, è parente lontana di quella che l’anno prima ha conquistato i preliminari di Champions. La Serie A inoltre richiede caratteristiche diverse dalla Liga, ci si concentra molto più sulla tattica e sugli schemi difensivi, difficile per uno spagnolo ambientarsi in pochi mesi.

LA RIVINCITA – L’infortunio di Dusan Basta nella parte conclusiva della stagione ha permesso al ragazzo di Mula di vedere il campo con più continuità, ma la vera esplosione è avvenuta nelle prime giornate del campionato in corso. Attento e preciso nelle diagonali difensive, ha dimostrato di possedere l’importante caratteristica della duttilità, essendo in grado di agire sulla corsia mancina oppure centrale di destra in una difesa a tre. Questa sera contro il Cagliari sarà titolare, ha scavalcato nelle gerarchie persino il più esperto compagno serbo. All’Olimpico ha l’occasione di dimostrare finalmente la sua maturità, Patric dovrà essere pronto a rispondere presente all’appello di mister Inzaghi.

 

Rocco Fabio Musolino – Lazio News 24

Articolo precedente
Lazio-Cagliari, l’ex Marchetti bestia nera dei sardi
Prossimo articolo
Immobile – Borriello: sfida tra i due bomber all’Olimpico