Primavera, Bonacina: «Quest’anno nessuno ha dato il 100%. Retrocessione meritata…»

primavera
© foto @twitter Lazio

Dopo la sconfitta che ha sancito l’aritmetica retrocessione, ha parlato ai microfoni di Lazio Style Radio, l’allenatore dalla Primavera biancoceleste, Valter Bonacina

Sconfitta e retrocessione matematica per la Lazio che nella prossima stagione disputerà il campionato Primavera 2. Commenta l’ennesimo risultato negativo il tecnico Valter Bonacina, subentrato a stagione in corso a Andrea Bonatti: «Purtroppo è arrivato il momento. I ragazzi hanno fatto il possibile per evitarlo ma il campo ha detto questo e dobbiamo attenerci al verdetto. C’è amarezza ma dobbiamo renderci conto che il campionato non è stato così positivo e meritiamo la retrocessione. Con Al-Hassan avevamo la possibilità di attaccare la profondità ed avere fisicità: il suo infortunio ci ha penalizzati. Eravamo partiti bene, altre volte invece non avevamo approcciato al meglio. Dopo la gara di domenica scorsa contro l’Inter qualcosa era cambiato dal punto di vista umorale, i blucerchiati ci hanno colpito al primo tentativo su palla inattiva. Eravamo riusciti a tenere la Sampdoria lontana dall’area di rigore: la compagine blucerchiata ha qualità importanti soprattutto davanti. Il gol ci ha complicato i piani dal punto di vista mentale poi però i ragazzi erano ripartiti bene dopo qualche minuto di sbandamento».

STAGIONE DA DIMENTICARE – Bonacina prosegue: «Nella ripresa siamo riusciti a tenere gli avversari nella loro metà campo ma, ancora una volta, è mancata la capacità di concretizzare la mole di gioco espressa. Servono le caratteristiche individuali per dare imprevedibilità, con i dribbling o i passaggi in verticale, ma anche negli spazi stretti. Volevamo attaccare esternamente per poi finalizzare ma anche nell’attacco allo specchio avversario abbiamo portato pochi giocatori. Ora il difficile sta nel ritrovare gli aspetti dai quali ripartire: è la prima stagione con le retrocessione, i ragazzi si sono impauriti e non sono riusciti a tirare fuori tutto ciò che hanno nelle proprie possibilità. Nessuno in questa stagione ha dato il 100%. DerbyNel prossimo turno ci attende la sfida con la Roma: sarà una partita difficile, molto impegnativa dal punto di vista caratteriale e mentale. Dovremo essere bravi a cancellare tutto e ripartire sin da subito. Questa è stata un’esperienza nuova anche per me, mi ha accresciuto: sono subentrato a stagione in corso ma non sono pentito di aver compiuto questa scelta. Cercheremo di chiudere al meglio».

Articolo precedente
Signorelli (CalcioAtalanta.it): «Possiamo giocarcela con tutti! Lazio? Anche senza Immobile… » – ESCLUSIVA
Prossimo articolo
Calciomercato Lazio, Torino in vantaggio su Glik: i biancocelesti…