Lazio, tutti i numeri in rosso dei biancocelesti

lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Mancanza di gol, individualità che non rendono come lo scorso anno: tutti i numeri

E’ sicuramente il momento più difficile della stagione per la Lazio di Simone Inzaghi. Siamo a metà campionato e i biancocelesti sono stati eliminati ai sedicesimi di Europa League, sono a 5 punti dal quarto posto occupato dal Milan mentre sono ancora in piena lotta per la Coppa Italia. E’ innegabile però, come riporta il Corriere dello Sport, l’involuzione che la squadra di Inzaghi ha subito rispetto allo scorso anno in questo stesso periodo: da 79 a 47, sono ben 32 le reti in meno segnate, nella passata stagione la Lazio aveva il miglior attacco della serie A con 89 reti in 38 partite ad oggi è il decimo attacco del massimo campionato e se la speranza era quella di segnare meno per subire meno le cose non è che siano migliorate molto: 27 i gol subiti quest’anno contro i 33 dello scorso anche se nel calcolo totale siamo esattamente alla pari con 43 reti subite. Come già accennato il primo problema dipende anche dal tridente biancoceleste: Immobile fermo a 15 lo scorso anno ne aveva già segnati 26, Luis Alberto passa da 8 a 3 e Milinkovic da 9 a 4. Il secondo, problema, che lo scorso anno era la forza di Inzaghi è anche il modulo: il 3-5-2 che per poter funzionare al meglio ha bisogno di esterni di grande spinta che quest’anno hanno fallito: Lulic è senza fiato, Lukaku mai guarito dall’infortunio, Durmisi non fa la differenza così come Marusic e Patric; Caceres è stato ceduto alla Juventus e rimane quindi solo Romulo, buon acquisto ma chissà se ce le farà e se basterà.