Lazio, Immobile: «Dovevamo onorare la maglia! Che emozione stasera»

© foto Roma 20/10/2020 - Champions League / Lazio-Borussia Dortmund / foto Insidefoto/Image Sport nella foto: gol Ciro Immobile

La Lazio abbatte il Borussia Dortmund nella prima gara del Girone F. Immobile è stato l’osservato speciale della serata: ecco le sue parole

Se aveva bisogno di una notte di rivincita, di riscatto, per voltare pagina, quella notte, per Ciro Immobile, è arrivata. Il gol in apertura di primo tempo e l’assist per il definitivo 3-1 di Akpa Akpro in un momento di difficoltà. È un Ciro d’Europa che trascina la Lazio alla vittoria contro il Borussia Dortmund. Ecco le sue parole, al termine del match, ai microfoni di Sky Sport:

«Un’emozione incredibile riportare questa maglia in Champions dopo anni, ha un sapore in più nella competizione più importante. Partita perfetta che ci rende soddisfatti. Loro sono una squadra forte, ci serviva dopo la brutta partita di sabato, ci serviva per avere una svolta mentale in ottica campionato. Le critiche in passato? I giocatori bisogna aspettarli e capire il momento. A Dortmund sono arrivato nel momento sbagliato. Non dico nulla contro le critiche, io sono attento a tutto e so quando devo ricevere critiche e quando elogi. GOl? Ne sbaglierò altri, spero pochi. Quanto sposta questavittoria? Serve continuità come l’anno scorso. Se scendiamo in campo con questa voglia. Qualificazione? Girone equilibrato, ci sono altre cinque battaglie, dobbiamo dare tutto». 

Le parole di Immobile a Lazio Style Radio

«Raggiungere Beppe era un traguardo difficile. Dovevamo onorare al massimo questa meglio stasera, peccato non ci siano stati i tifosi perché si sarebbero divertiti sicuramente. Tanta emozione, la partita era stata riaperta ed è sempre difficile quando sbagli. Siamo stati bravi a richiuderla, è stata una battaglia, ma lo sapevamo. Ma quando fai una battaglia ed esci vittorioso, puoi solo essere felice.

Sapevamo che il Borussia era molto più preparata di noi in questa competizione, dovevamo fare la partita perfetta il compitino non bastava. L’abbiamo preparata in pochi giorni, col morale a terra dopo Genova, ma abbiamo dato tutto. Sono contento, la squadra meritava una vittoria così dopo le critiche. Conta poco chi manca, a Marassi ci è mancato l’atteggiamento perché siamo sempre usciti con la maglia sudata. Abbiamo dato ancora più valore a questa vittoria.

Covid? Noi facciamo il nostro lavoro, cerchiamo di andare avanti, nonostante gli ultimi dati. Questo è uno sport che divertire la gente, è intrattenimento e mettiamo sempre il massimo in campo».