Cori razzisti, ci casca anche la Roma: la Uefa apre un’inchiesta

cori
© foto www.imagephotoagency.it

La Uefa ha aperto un procedimento disciplinare nei confronti della Roma a causa di alcuni cori di discriminazione razziale rivolti dai tifosi giallorossi

Rischia grosso la Roma dopo il match di Champions contro il Chelsea. La società giallorossa è stata infatti messa sotto inchiesta dalla Uefa per alcuni cori razzisti che i tifosi del club capitolino avrebbero intonato durante la sfida dello Stamford Bridge. “Racist behaviour” fa sapere l’organismo europeo, che emetterà la sentenza per questo procedimento disciplinare il prossimo 16 novembre. I cori arrivati dal settore dei fan giallorossi sarebbero stati rivolti con ogni probabilità verso Antonio Rüdiger, ex difensore della Roma passato nell’ultima estate al Chelsea di Antonio Conte, anche se non è ancora chiaro se e quando sono stati pronunciati. Sul referto dell’arbitro non c’è traccia dell’accaduto e anche dal campo nessuno sembra essersi accorto degli ululati, come riferito dalla stessa società giallorossa. Ora la parola passa dunque alla Uefa che se dovesse accertare il comportamento negativo dei sostenitori giallorossi potrebbe prendere diverse iniziative nei confronti del club, da una sanzione alla chiusura del settore nella prossima partita internazionale.