Lazio, Sensini: «Eriksson un gentiluomo. Quell’attesa per Perugia-Juve…»

© foto www.imagephotoagency.it

Nestor Sensini, uno degli eroi della Lazio del 2000, ha ricordato qualche momento dei suoi anni trascorsi in biancoceleste

È stato uno dei protagonisti della Lazio del secondo Scudetto. Nestor Sensini ha ripercorso qualche momento della sua carriera in biancoceleste, in qualità di ospite a #CasaSkySport:

«Eriksson mi piaceva perché era un gentiluomo, così posato che era impossibile arrabbiarsi: è stato un grandissimo allenatore. Ricordo la mezzora in spogliatoio con la radiolina aspettando che finisse Perugia-Juventus, fu un traguardo incredibile e una gioia immensa».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy