Connettiti con noi

Hanno Detto

Sarri: «Arrivare davanti alla Roma? Basta provincialismi. Su Luis Alberto…»

Pubblicato

su

Maurizio Sarri ha parlato nel post partita di Lazio-Sampdoria: queste le dichiarazioni del tecnico della Lazio

Maurizio Sarri ha parlato nel post partita di Lazio-Sampdoria. Queste le dichiarazioni del tecnico della Lazio.

LAZIO MIGLIORE – «Abbiamo fatto una buona partita contro una squadra che si era ritrovata. L’abbiamo vinta perché abbiamo fatto bene con continuità».

LUIS ALBERTO – «Con Luis ho un rapporto normale, fisiologico che ci siano delle discussioni ogni tanto. Stava facendo bene, con il Milan sembrava faticasse quindi l’ho fatto riposare a La Spezia e stasera è tornato sui suoi livelli».

LAVORARE TUTTA LA SETTIMANA – «Abbiamo giocato sempre ogni tre giorni ed era tutto più difficoltoso. Negli ultimi mesi abbiamo una media da Champions, da due punti a partita».

ROMA – «Quanto è importante arrivare davanti alla Roma? Penso che Roma sia una città che meriti due squadre forti. Dobbiamo smettere di pensare da provinciali, il derby sarà sempre sentito e sarà sempre la partita dell’anno ma bisogna iniziare a pensare in maniera diversa».

DIFESA – «Chiaro che i numeri dicono che la fase difensiva non è andata benissimo, ma parliamo di fase difensiva. A La Spezia abbiamo preso tre gol senza concedere tiri agli avversari, nel girone di ritorno la situazione è cambiata oltre che a livello numeri anche a livello di sensazioni in campo».

JUVE – «Accoglienza tifosi? Non mi aspetto niente. Andiamo là per raccogliere punti per andare in Europa e dobbiamo concentrarci solo su questo. Che sensazioni avrò io? Ci tengo molto ad andare in Europa quindi la penso come la mia squadra».

Sarri a Dazn

MATCH – «Noi abbiamo fatto una buona partita, ma potevamo gestire meglio il recupero. Siamo una squadra più di strappo che di palleggio, ma facciamo bene nel possesso palla».

SOLIDITÀ – «Se fossimo più solidi in maniera continua faremmo più punti. Nel girone di ritorno però siamo migliorati e questo ci fa ben sperare per il futuro».

LAZZARI – «Ha capito che poteva fare quel ruolo. Con quell’accelerazione può fare il quarto alla grande, inclusa la fase difensiva. Può migliorare molto in certe posture che assume, specie quando va in chiusura sulla spalla. A volte è troppo aggressivo, ma ha fatto un crescita pazzesca».

LUIS ALBERTO – «Il suo gol è roba grossa per qualità tecnica e lucidità mentale».

ROMA – «Pensare di arrivare davanti alla Roma è provinciale. Poi è ovvio che il derby resterà sempre, ma in questa città si dovrebbe pensare ad avere due squadre forti e non semplicemente ad arrivare davanti all’altra».

Sarri a LSR

SAMP – «Loro hanno trovato la quadratura della squadra, per vincerla serviva una partita di alto livello e l’abbiamo fatta, infatti abbiamo vinto nettamente. Son contento per la prestazione».

CENTROCAMPISTI – «Se devo essere sincero ho visto tutti e tre i centrocampisti su alti livelli, Luis tanta roba, qualità mentale impressionante. Partita di alto livello e dispendiosa, preferisco un giocatore che mi fa 70 minuti da grande giocatore che 90 da normale. Cataldi? L’idea era quella di avere una squadra più di palleggio per muovere la palla velocemente, con Luis o Sergio a muoversi tra le linee».

PATRIC – «Patric ha quasi tutte caratteristiche positive: veloce, tecnico e positivo. Ha difficoltà a mantenere i picchi di concentrazione per 90 minuti e fa qualche errore, ci stiamo lavorando. Potenzialmente sarebbe molto forte, perchè ha tutto».

JUVE – «La Coppa Italia influirà? Difficile da dire, noi dobbiamo arrivarci pronti, poi come ci arrivano loro ci interessa relativamente, perché non sai che strascichi lasciano se positivamente o negativamente. Noi pensiamo all’Europa, perché ci vogliamo andare».

IMMOBILE – «Ha avuto una distorsione alla caviglia, abbiamo cercato di rimediare, ma c’è solo da ringraziarlo perché è rimasto in campo con un piede e mezzo».

TIFOSI – «Quando il pubblico è così caloroso e numeroso è tanta roba. Io li ringrazio e spero che, da ora in avanti, sarà sempre così».