Connettiti con noi

Europa League

Pagelle Lazio-Galatasaray: Zaccagni l’unico a crederci, Milinkovic delude

Pubblicato

su

I voti e i giudizi ai protagonisti del match valido per la sesta giornata dei gironi di EL tra Lazio e Galatasaray: le pagelle

 Lazio e Galatasaray sono scese in campo per la sesta giornata del gruppo E dell’Europa League. Le pagelle dei protagonisti del match:

STRAKOSHA 6 – Praticamente mai chiamato in causa, se non dai compagni di squadra in fase di impostazione e costruzione dal basso.

MARUSIC 5,5 – Perde troppi palloni e troppi contrasti. Da uno con la sua fisicità, sotto questo punto di vista, ci si aspetta di più.

 LUIZ FELIPE 6 – Forse troppo irruento, sia negli interventi che in alcune scelte in impostazione. Non commette comunque errori gravi e, nel  complesso, la sua prestazione è sufficiente.

ACERBI 6 – Nel primo tempo commette un paio di errori di valutazione che sarebbe potuti costar caro. Nonostante qualche affanno, riesce comunque sempre a cavarsela.

HYSAJ 5,5 – Qualche chiusura importante e qualche pallone recuperato. Ma, in una partita da vincere, serve anche la spinta (63‘ LAZZARI 6 – Entra molto bene in partita, mettendo in mostra corsa e dinamismo).

BASIC  5,5 – Bravo a far valere il fisico e a non fermarsi mai, ma commette qualche errore in fase di palleggio. Per di più i suoi calci piazzati non sono mai un fattore (73′ LUIS ALBERTO 5,5 – Entra per dare qualità e geometrie. Hai tra i piedi la palla match, ma fallisce cercando il piazzato).

LEIVA 5,5 – Buono il suo apporto in fase di interdizione, maommette una serie di errori in fase di costruzione. Sembra quasi rallentare la manovra (73′ CATALDI 6 – Dà brillantezza alla manovra. Con lui in campo si vedono più geometrie).

MILINKOVIC 5 – Commette errori non da lui, soprattutto negli ultimi metri. A volte appare troppo sufficiente in alcuni appoggi e alcune giocate.

ZACCAGNI 6,5 – Appare il più intraprendente, l’unico ad accelerare i ritmi e a cercare l’uno contro uno. Gli manca il killer instict, ma è comunque il più brillante.

IMMOBILE 5,5  – Nel primo tempo si divora un gol quasi fatto. Non è al top e lo si capisce nel suo scarso dinamismo.

PEDRO 5 – Non è la sua miglior serata. Un tiro dalla distanza e nient’altro. Sembra sentire la stanchezza (63′ FELIPE ANDERSON 6 – Approccia molto bene, mostrando un’ottima intesa con Lazzari. Mette anche una serie di palloni interessanti).