Lensen: «Il progetto della Lazio sul settore giovanile è molto importante»

lensen-lazio-primavera
© foto lazio news 24

Joop Lensen, responsabile del settore giovanile biancoceleste, spiega il suo progetto che vuole attuare nei prossimi anni.

Joop Lensen, grande esperto dei settori giovanili, dopo quasi due anni alla Lazio deve dimostrare ancora tanto. Il dirigente olandese ha provato a spiegare il suo progetto, anche perchè dopo il primo anno della sua gestione i risultati promessi non sono arrivati: «Per la società  Lazio è molto importante la nostra squadra scout per cercare di essere presente su più territori – ha esordito ai microfoni del blogtoniiavarone.it – In Campania, ma in particolar modo a Napoli, si respira sempre un’aria speciale perché qui ci sono ragazzi con grande forza fisica, voglia di lavorare e mettersi in mostra che sono aspetti per noi fondamentali per le nostre valutazioni. Qui c’è molto materiale di prima qualità. Per noi è fondamentale essere qui, ma come si sa il livello della Lazio nelle giovanili ci permette di essere presente sul tutto il territorio italiano. Come a Napoli, siamo presenti a Firenze o anche a Bologna. Per noi questi sono territori importanti nel quale dobbiamo essere presenti, ma guardiamo anche al dì fuori dell’Italia come in Europa o anche in Sud America per essere sempre pronti ad prendere potenziali giocatori dalle grandi qualità».

CAMPIONI SI NASCE – «Il progetto della Lazio sul settore giovanile è molto importante e ogni anno cerchiamo sempre nuova linfa.  Il nostro obiettivo è, oltre scovare potenziali campioni, creare una mentalità vincente nelle giovanili perché solo così si può avere un futuro importante per la prima squadra e insegnarlo ai ragazzi è fondamentale perché così si possono raggiungere grandi traguardi. Oltre a noi ci sono anche l’Atalanta, l’Empoli che lanciano valide promesse in prima squadra e dopo anni molte altre squadre italiane stanno finalmente puntando su questa filosofia perché hanno capito quali sono le basi per costruire un grande futuro».