Lazio, non sempre il 3-5-2 è la scelta migliore

inzaghi giovani
© foto www.imagephotoagency.it

Lazio, Inzaghi va avanti col 3-5-2: ma il modulo spesso non paga. Intanto Correa resta in panchina…

«È una squadra che porta tantissimi giocatori in avanti, è una squadra che ha cambiato poco dall’anno scorso, la tipologia di gioco è rimasta uguale» prima del match tra Lazio e Milan, Gattuso ha definito così il modo di giocare dei biancocelesti, in conferenza stampa. Sì, perchè il 3-5-2 di Inzaghi è ormai una garanzia: così schierata, la squadra è riuscita a conquistare la Supercoppa e quasi a centrare la Champions. Ma il modulo non sempre paga: con questo assetto, infatti, la Lazio non è ancora riuscita a vincere un big match in questa stagione. E se il mister, il primo anno in panchina, era lodato per il suo pragmatismo e la sua capacità di cambiare faccia alla rosa (col 4-3-3) senza perdere di qualità, adesso manca di fantasia. Perchè – come sottolinea il Corriere dello Sport – il 3-5-2 funziona al meglio solo con Luis Alberto e Milinkovic Savic al massimo della loro condizione. E quel briciolo di imprevedibilità potrebbe portarlo proprio El Tucu Correa: il giocatore è in forma e si vede. Scalpita in panchina, ha la media gol più alta, ha trascinato la squadra nel pareggio contro il Milan e merita più di 20 minuti a partita.

Articolo precedente
MessiImmobile e la foto con Messi: «E’ stato un onore conoscere il calcio in persona» – Foto
Prossimo articolo
live calciomercato lazioCalciomercato Lazio, Zappacosta idea lontana: serve cedere