Farris: «Inter? Raramente ho visto una squadra più fortunata. Quella partita vorrei rigiocarla con Parolo e Luis Alberto…»

felipe anderson la giocata del match
© foto www.imagephotoagency.it

Il vide di Simone Inzaghi, Massimiliano Farris, ha dato la sua disamina sulla partita contro l’Inter, all’interno della consueta rubrica ‘Zona Cesarini’, in onda su Lazio Style Channel

Ultimo appuntamento stagionale con la rubrica ‘Zona Cesarini‘ in onda su Lazio Style Channel, dove Massimiliano Farris ha analizzato la sconfitta contro l’Inter: «C’è tanta amarezza ed un po’ di incredulità. Quella contro l’Inter è stata una partita stregata, nella quale abbiamo avuto grandi meriti, ma abbiamo anche commesso qualche peccato. Nel calcio gli episodi fanno la differenza, raramente ho visto una formazione fortunata come quella nerazzurra in questa stagione. L’Inter era partita bene, poi ha avuto una lunga fase nella quale ha conquistato pochi punti ed infine ha recuperato la distanza nel finale di campionato. Non aver chiuso i conti a Crotone ci ha fatti arrivare alla partita di domenica in vantaggio ma anche con l’ansia e questo aspetto lo abbiamo pagato tanto».

LAZIO-INTER – «Sarebbe bello rigiocare la gara con Parolo e Luis Alberto in campo, ma toglieremmo meriti a chi è sceso in campo, come Murgia, che ha offerto un’ottima prestazione. Un calciatore che accusa il problema fisico capitato ad Immobile normalmente torna in campo dopo un mese e mezzo, lui invece era già pronto dopo 20 giorni: ha fatto di tutto per esserci ed era giusto che fosse della gara. Forse avremmo dovevamo sostituirlo prima, ma era ben supportato da un grande Felipe Anderson e da Milinkovic, anche lui autore di un’ottima partita. Abbiamo subito tre gol, due dei quali su calcio d’angolo ed uno su rigore: ciò significa che sul piano del gioco non c’è stata partita. Non abbiamo effettuato le scelte iniziali in base a singoli della rosa nerazzurra ma sappiano che Perisic e Candreva sono due calciatori che faticano in fase di non possesso. Abbiamo creato gioco sulle ripartenze; nel finale l’episodio dell’espulsione di Lulic ci ha condannati, poi Spalletti ha inserito Ranocchia ed i centimetri in area hanno pesato parecchio».

Articolo precedente
Lazio e la suggestione chiamata Romagnoli, il difensore dal cuore biancoceleste
Prossimo articolo
milinkovic calciomercato lazioLazio, che talenti: due biancocelesti nella Top 11 Under 23 della Serie A – FOTO