Class Action, Mignogna: «Chiederemo la nullità degli atti arbitrali»

finale
© foto www.imagephotoagency.it

Una Class Action per fermare i torti arbitrali. Dopo la rete di Cutrone segnata col braccio, i tifosi scelgono la strada della giustizia ordinaria

I tifosi proteggono la Lazio. L’ultimo episodio del braccio di Cutrone ha scatenato una vera e propria bufera che ha travolto il Var e la classe arbitrale, ma soprattutto ha leso un’altra volta la squadra romana. Ma a dire basta, adesso, è il pubblico. E il mezzo è il più semplice: la giustizia ordinaria. Come riportato dal Corriere dello Sport, l’intenzione sarebbe quella di portare dinanzi un Tribunale Civile le istituzioni arbitrali, grazie alla costituzione di una Class Action«Chiederemo al giudice di accertare e dichiarare, anche in via d’urgenza, la nullità dell’attività e degli atti arbitrali di tutte e/o solo alcune delle suddette partite. Infine chiederemo al giudice di integrare il protocollo Var per il futuro in maniera che non possa
più danneggiare i consumatori. Non è esclusa una richiesta di dimissioni in blocco dell’intero vertice arbitrale», ha tuonato Gian Luca Mignogna uno dei sette fondatori del Consiglio Direttivo.

Intanto, nei prossimi giorni (venerdì 16 o sabato 17) ci sarà una convention in cui verrà presentata l’iniziativa e a cui hanno aderito già circa un migliaio di tifosi, affinchè la situazione non sia solo rumore ma porti anche dei risultati.