Connettiti con noi

2014

De Vrij: “La Lazio è la miglior scelta che potessi fare. Sto pensando al derby, ma prima c’è la Sampdoria”

Pubblicato

su

E’ stato un anno importante per Stefan De Vrij, arrivato in estate alla Lazio dopo un ottimo Mondiale disputato in Brasile con l’Olanda. Il 22enne, che già da bambino, sognava di diventare calciatore, è stato intervistato dal Corriere dello sport.

Sulla partita con la Samp:

“Questo mese sarà difficile. Dopo la Samp arriveranno Roma, Torino, Napoli e Milan. Sono molto forti i blucerchiati. Grande squadra, ma anche noi lo siamo. Giochiamo in casa. Vogliamo vincere questa partita. Okaka? Attaccante molto pericoloso. Fortissimo fisicamente. Adesso è entrato anche in nazionale, ha segnato diversi gol”.

E’ vero che studia i suoi avversari sul computer? Lo faceva già in Olanda o ha iniziato alla Lazio?

“Sì, è vero. Lo faccio da un anno. Ho un programma che mi permette di scaricare i video. E’ molto utile, anche per analizzare il mio rendimento. Non ho ancora visto Okaka, ma questa settimana avrò abbastanza tempo per studiarlo e prepararmi”.

Cosa manca alla Lazio per vincere certe partite come è successo a San Siro con l’Inter?

“Se hai due gol di vantaggio all’intervallo, devi vincere. Nel secondo tempo abbiamo perso troppe volte il controllo la palla. Siamo dispiaciuti per la rimonta subita. Non deve più accadere. Quando aumenta la pressione degli avversari, dobbiamo migliorare nella gestione del pallone e del gioco”.

Sul calcio italiano e le differenze con l’Olanda:

“E’ un calcio veramente tattico. C’è un focus e una grande attenzione su ogni partita. Basta un solo momento di distrazione per decidere con un episodio il risultato. Bisogna essere concentrati novanta minuti. Sono un difensore, per me è cambiato molto. In Eredivisie quasi tutti giocano con il 4-3-3. Affronti spesso una sola punta e il centravanti va sempre incontro alla palla. Qui trovi da marcare due attaccanti, uno scatta in profondità e l’altro va incontro alla palla. All’inizio non ero abituato e non vedevo questo movimento. E’ successo nell’amichevole con l’Italia a Bari. Immobile e Zaza si muovevano in sincronia, uno andava indietro e un altro scattava avanti. Pirlo e De Rossi mettevano la palla dietro la linea difensiva. In quella partita è successo molte volte. Così è difficile. Adesso vedo e leggo la situazione tattica meglio di prima”.

De Vrij migliora di partita in partita. Si è inserito in fretta. Come ha fatto?

“Sono molto curioso, voglio sempre migliorare, dopo ogni partita parlo con il match analyst. Vediamo le situazioni di gioco, dove ho fatto bene e dove ho sbagliato. La cosa più importante è la comunicazione all’interno del campo. Il linguaggio calcistico l’ho imparato. Con Lorik Cana può capitare di parlare in inglese, con gli altri mi esprimo in italiano”.

Sui tanti infortuni che hanno colpito i compagni di reparto:

“Sarebbe meglio giocare sempre con gli stessi, finora non è stato possibile tra infortuni e squalifiche. Però tutti sappiamo come va fatto il lavoro in campo”.

La Lazio prende spesso gol sui calci piazzati:

“Nel momento in cui non sei attento può capitare. Le palle inattive sono un’opportunità per segnare. Lo abbiamo visto. A Verona è stato bravo Bizzarri a evitare che noi segnassimo su angolo”.

Sui paragoni con Stam:

“Stam era un grande giocatore anche in Olanda, però io penso che lui fosse diverso, con altre caratteristiche. Io sono un difensore che gioca meglio la palla. Lui era di più un vero difensore. Posso imparare da Stam, posso fare esperienza e crescere qui alla Lazio e attraverso il calcio italiano. Non ci ho mai parlato perché lo conosco come giocatore, ma non personalmente. Lui adesso fa l’allenatore all’Ajax”.


Chi è il difensore che apprezza di più in serie A?

“Mi piacciono Bonucci e Chiellini. E poi Glik del Torino: è molto forte”.

Chi è l’attaccante che l’ha messa più in difficoltà nella prima parte del campionato?

“Mi vengono in mente Tevez e Llorente, anche Menez. E aggiungerei Zaza. Mi piace molto”.

Ricorda l’accoglienza fantastica di Fiumicino?

“E’ stato fantastico arrivare così a Roma. Eravamo in ritardo di due ore, l’aereo è atterrato a mezzanotte e mezzo. Non mi aspettavo tanta gente in aeroporto. E’ stato un benvenuto speciale. Fantastico”.

Trovare Braafheid alla Lazio l’ha agevolata?

“Personalmente non lo conoscevo. Se due olandesi si ritrovano in una squadra italiana è normale stare insieme e aiutarsi. Speriamo rientri presto dall’infortunio”.

Tra dieci giorni c’è il derby con la Roma..

“Sto aspettando questa partita, è molto importante per la squadra e per i tifosi. E’ una grande partita. Ora penso alla Sampdoria. Vedremo dopo di concentrarci sulla Roma, noi vogliamo vincere ogni partita”.

Quale deve essere l’obiettivo della Lazio? Europa League o terzo posto?

“Vogliamo arrivare in Europa. La Champions sarebbe meglio dell’Europa League, però sarà una lotta sino all’ultima giornata del campionato. Ci sono tante squadre per un solo posto a disposizione. Napoli, Milan, Fiorentina. Vediamo come va a finire”.

Hoedt è tra i possibili obiettivi della Lazio per gennaio. Lo conosce? Ce ne può parlare?

“L’ho visto giocare quando sono andato a salutare il Feyenoord il 14 dicembre. Ha segnato un gol. In quella partita è stato molto bravo, ma solo quella volta l’ho visto. E non so se la Lazio lo prenderà”.

Quanto è stato importante Van Gaal nella sua carriera?

“Tanto, perché è un grandissimo allenatore. In Brasile aveva tanta fiducia nei miei confronti e nei confronti della squadra, la stampa invece no. Aspettavano solo che andassimo a casa dopo tre partite. Noi sapevamo di poter vincere qualsiasi partita. Per tanti di noi era la prima esperienza. Van Gaal ti dà fiducia e ti dà la sensazione di potercela fare. E poi ha saputo utilizzare le qualità della squadra. Queste sono le sue doti”.

In estate si diceva che la volesse al Manchester United. Ci ha mai pensato realmente?

“Non è vero. La Lazio è stata l’unica squadra prima del Mondiale che mi ha voluto, dopo si sono fatte avanti altri club, ma non il Manchester. E la Lazio era la scelta migliore che potessi fare”.

Anche la Roma?

“Io personalmente non ne ho mai sentito parlare”.

Pioli era un difensore. Quali sono i consigli più frequenti che riceve dal suo allenatore?

“Attivi, attivi. Mi dice sempre di essere attivo e di usare le braccia. Piccoli dettagli che sul campo sono importanti. All’inizio abbiamo parlato molto delle situazioni di gioco che si verificano nel calcio italiano. Ora parliamo molto meno. Ho capito quello che vuole l’allenatore”.

De Vrij terzo in Brasile: con l’Olanda ha perso la semifinale ai rigori. Ripensando al Mondiale cosa dice?

“Non c’è un rimpianto, ma penso a cosa sarebbe stato se fossimo arrivati all’ultimo atto. Se avessimo perso 3-0 o 4-0 non ci saremmo meritati di arrivare in finale. Invece abbiamo perso ai rigori. Un dispiacere”.

Miglior difensore al Mondiale e ha detto. «Ho fatto un buon torneo». L’obiettivo in carriera qual è? Le piacerebbe diventare un difensore da Pallone d’Oro?

“L’obiettivo è migliorare sino al punto di arrivare al mio livello massimo. Non so quale può essere il mio limite. Adesso la Lazio è il miglior posto per continuare a crescere e migliorare”.

Ha sentito Strootman in questi mesi? E cosa gli dirà l’11 gennaio?

“Prima di arrivare alla Lazio l’ho chiamato per chiedergli come era il calcio italiano e come si viveva a Roma. Non so cosa gli dirò quando lo vedrò. Ci saluteremo, ci conosciamo da tanto tempo”.