Capua: «Crescere nella Lazio è stato un privilegio». E su Lotito…

© foto www.imagephotoagency.it

Giuseppe Capua, con un passato diviso tra Lazio e Salernitana, è tornato a parlare del suo periodo in biancoceleste

Giuseppe Capua è diventato grande coi colori biancocelesti addosso. La Lazio è stata un’avventura di cui porta dentro ancora un bel ricordo, come ha raccontato per Tuttosalernitana.com.

«Crescere da giovane in una società importante come la Lazio è stato un privilegio. Ho passato moltissimi anni a Roma. Partendo dai pulcini per poi giocare in Primavera e arrivare a firmare un contratto di 5 anni con la Lazio, seppur andando sempre in prestito. Potermi allenare a Formello, circondato da giocatori importanti e conoscendo dirigenti assolutamente validi, mi ha fatto crescere moltissimo».

«Ho un aneddoto personale legato a Lotito. Il secondo anno a Salerno c’era da discutere riguardo al rinnovo del mio prestito in granata. Per fare ciò il presidente Lotito fece arrivare da Milano il mio agente e la trattativa si svolse a mezzanotte e mezza, compresa la chiamata per informarmi del rinnovo del prestito. Questo per far capire quanto sia un presidente davvero vivace e particolare. A Salerno anche quando giocavo io non era amatissimo dai tifosi, che magari pensano non si dedichi al 100% alla Salernitana, avendo già una squadra di A come la Lazio. I tifosi granata sono la vera anima della squadra e assolutamente hanno il diritto di pretendere di più. Anche perché Salerno merita di più rispetto a dove è ora».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy