Lazio, Ambrogi: «Contro l’Inter servirà un’impresa. Il calciomercato? Insufficiente…» – ESCLUSIVA

© foto @Facebook

ESCLUSIVA LN24 – E’ intervenuto ai nostri microfoni Stefano Ambrogi, attore romano e tifoso biancoceleste

Un po’ di serenità è finalmente arrivata dalle parti di Formello. La Lazio di Inzaghi ha allontanato i fantasmi di Ferrara e Cluj con la bella vittoria ottenuta contro il Parma. Stefano Ambrogi, attore romano e tifoso laziale, è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Lazionews24.com per parlare della situazione in casa capitolina. Ecco ciò che ha detto.

Dopo le sconfitte con Spal e Cluj, i biancocelesti hanno sconfitto il Parma di D’Aversa rendendosi autori di una prestazione a dir poco brillante…

«Dopo la sconfitta con la Spal e il Cluj, la Lazio doveva assolutamente vincere contro i ducali e se non avessimo ottenuto la vittoria, oggi si parlerebbe di crisi. C’è stata la risposta giusta da parte della squadra anche se il Parma non ha dato quasi per niente del filo da torcere ai capitolini se non per la bella parata effettuata da Strakosha».

Domani sera ci sarà l’impegnativa sfida di San Siro contro l’Inter di Antonio Conte e bisognerà prestare molta attenzione perché i fantasmi recenti potrebbero affiorare nuovamente…

«Domani sera bisognerà prestare tanta attenzione, l’Inter è decisamente più forte. Se tornassimo da Milano con i tre punti avremmo fatto un’impresa. Speriamo che la formazione scelta da Inzaghi sia all’altezza della situazione».

Il mercato dell’estate appena conclusa secondo lei è da definire insufficiente ?

«E’ sicuramente insufficiente, chiunque io senta la pensa proprio in questo modo. Il nostro reparto offensivo è davvero misero in termini di quantità, basti pensare che oltre alla novità Adekanye il nostro attacco è composto solamente da Caicedo ed Immobile. Il settore avanzato dovrà essere certamente migliorato, mentre per quanto riguarda la difesa abbiamo acquistato Vavro e ceduto Wallace, ma lo slovacco deve ancora dimostrare le proprie qualità. Fortunatamente c’è l’onnipresente Acerbi, uno dei migliori acquisti dell’era Lotito. Abbiamo un discreto attacco, un ottimo centrocampo ma la difesa è, senza tanti giri di parole, davvero scadente», conclude così Ambrogi.