Consigli fantacalcio, ecco chi schierare e chi evitare della Lazio

© foto www.imagephotoagency.it

Ecco i consigli su chi schierare e chi evitare al fantacalcio in vista della trasferta della Lazio contro l’Inter

Dopo tre giorni torna di nuovo in campo la Serie A. Il big match di giornata sarà quello del “Giuseppe Meazza” tra Inter e Lazio. Qui i nostri consigli sui calciatori biancocelesti da schierare e da evitare al fantacalcio.

CHI SCHIERARE:

JOAQUIN CORREA: Una sola rete in quattro partite e solite prestazioni altalenante. Il riscatto del Tucu può arrivare a Milano, dove l’anno scorso segnò contro il Milan il gol decisivo per l’approdo in finale di Coppa Italia. Con la sua rapidità può mettere in difficoltà la difesa dell’Inter, molto solida ma statica.

LUIS ALBERTO: E’ in un grande momento e la Lazio dipende dai suoi piedi e dal suo cervello. Quando si spegne lui, si spegne la squadra. I biancocelesti segnano solo quando c’è il suo zampino, che sia assist o gol. Impossibile rinunciarci, nonostante di fronte ci sia l’Inter.

FRANCESCO ACERBI: E’ il leader difensivo e uno dei pochi nel suo ruolo che raramente scende sotto il 6. Non ha ancora timbrato il cartellino ed è famoso per la sua confidenza con il gol… L’anno scorso non ne sbagliò una a Milano, che fosse contro Inter o Milan. Schierarlo è d’obbligo.

CHI EVITARE:

THOMAS STRAKOSHA: Viene da un clean sheeet contro il Parma, ma precedentemente non era stato perfetto con il Cluj. Tenere la porta inviolata anche contro l’Inter sarà dura, per questo è consigliato optare per un altro portiere in questa giornata.

LUCAS LEIVA: Non è ancora sui suoi livelli, l’infortunio durante la preparazione lo ha probabilmente limitato parecchio. Anche contro il Parma ha preso un’ammonizione che gli è valsa un -0.5. Se potete scegliere meglio non rischiarlo.

LULIC: Con le troppe partite ravvicinate e l’età che avanza fa molta fatica. Dalla sua parte ci sarà quasi sicuramente l’ex compagno Candreva, rivitalizzato dalla cura Conte. Meglio evitarlo in un match così delicato.