Un mese dal terremoto, Lotito parla della «sua» Amatrice e si commuove in diretta – VIDEO

© foto www.imagephotoagency.it

Claudio Lotito come non lo avete mai visto, ospite oggi su Rai 1 nella trasmissione «Uno Mattina». Il presidente della Lazio si è commosso a lungo dopo aver parlato del suo passato ad Amatrice, città in Provincia di Rieti, spazzata via dal sisma che un mese esatto fa fa ha colpito il centro Italia. E questo evento tragico lo ha toccato particolarmente, fra le vittime infatti molti erano purtroppo suoi parenti o conoscenti. Era li che stanziavano i ricordi di un’adolescenza tranquilla e felice, trascorsa sugli scaloni della chiesa di Sant’Agostino di fronte casa del nonno Enrico. In quel posto sognava di diventare un portiere, fin da giovane difendeva i pali della squadra dell’oratorio, poi diventata squadra davvero: «Non ero il capitano, non potevo esserlo, ero il più giovane di tutti. Allora riuscimmo a vincere il trofeo delle sessantanove frazioni che compongono la città dell’Amatrice». Il patron per queste ragioni si sente molto vicino alla situazione, ha sfruttato l’occasione per chiedere ancora aiuti verso la popolazione colpita.