Last Bet, incubo finito per Stefano Mauri: il 16 luglio arriverà la prescrizione

Mauri
© foto www.imagephotoagency.it

Questa mattina si è svolta a Bologna l’udienza che vedeva coinvolto Stefano Mauri, inerente al procedimento calcioscommesse del 2011

Dovrebbe esser giunta all’epilogo la vicenda che vedeva Stefano Mauri coinvolto nel calcio scommesse. Come dettagliatamente spiegato da Gianluca La Penna su Lazio familiy, l’udienza tenutasi oggi a Bologna, almeno per gli imputati di sola partecipazione all’associazione a delinquere, poteva scrivere la parola fine al processo ‘Last Bet‘, il procedimento sul calcioscommesse incardinato a Cremona nel 2011. Nel dibattimento odierno il legale di Stefano Mauri, Matteo Melandri ha presentato istanza al Collegio presieduto dal giudice Mazza, giudici a latere Cosentino e Buttelli, per fissare un’ulteriore udienza, questo col fine di evitare di dover attendere la pronuncia della Cassazione del 10 settembre sulla competenza del processo. Se quest’ultimo infatti tornasse a Cremona i pm potrebbero ricambiare l’imputazione, aggiungendo per i soli partecipi l’aggravante della transazionalità, fattispecie che ritarderebbe  la scadenza della prescrizione che diversamente scatterebbe il 30 giugno, ripetiamo per i soli partecipi e non per i promotori. Il Collegio ha accolto l’istanza dell’avvocato Melandri fissando la prossima udienza il 16 luglio, udienza nella quale verrà sancita l’avvenuta prescrizione. Gli imputati, tra cui  Mauri, non avranno più un carico pendente,  unica controindicazione è che con una pronuncia di prescrizione Mauri, così come tutti coloro che eccepiranno la prescrizione, non potranno richiedere il risarcimento per ingiusta detenzione.

LAZIO-PSG-MILINKOVIC: LE ULTIME