Serie A, Ricciardi: «Si può cercare un’alternativa alla quarantena di squadra»

seconda categoria
© foto www.imagephotoagency.it

Il membro dell’OMS Ricciardi si è espresso sulla questione quarantena di squadra, aprendo a nuove possibilità per evitarla

Intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo, il membro dell’OMS, nonché consigliere del Ministro della Salute Speranza, Ricciardi ha parlato della situazione tifosi e quarantena di squadra in Serie A:

«Quando la circolazione del virus sarà ridotta, si potrà pensare ad una riapertura, anche alle manifestazioni sportive.Il problema del calcio è che gli spettatori sono tanti, bisogna essere in grado di garantire tutte le misure. Protocollo di 14 giorni? L’accorciamento non è possibile Il periodo di allontanamento non può essere inferiore, ma una strada alternativa si può trovare, ci stiamo lavorando. Ci sono casi in cui l’incubazione dura anche oltre i 14 giorni. Perché non seguire gli altri Paesi Europei? Gli inglesi hanno sbagliato tutto in questa pandemia, la Germania invece non ha raggiunto i nostri picchi. Noi stiamo viaggiando nel mezzo, con riapertura graduali e non avventate. La ripartenza porterà qualche rischio, nonostante ci siano le porte chiuse. Man mano che le cose andranno meglio, si può ricominciare a pensare di allentare la guardia per il pubblico. Quindi credo possibile ad un numero ridotto di spettatori possano partecipare allo spettacolo. Non saprei le tempistiche, ma credo che in quasi tutta Italia si possano cominciare a fare questi discorsi».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy