Sara Varone: «Sono laziale da sempre. Lotito? Mi è simpatico!»

© foto www.imagephotoagency.it

Sara Varone, la bellissima showgirl e tifosa biancoceleste ha raccontato come è nata la passione per la Lazio

Sara Varone è intervenuto ai microfoni di Non è la Radio per raccontare come è nata la sua passione per la Lazio e i colori biancocelesti.

«Sono lazialissima ma laziale da sempre! Da quando sono nata, perché mio papà è lazialissimo, già da quando ero piccola aveva delle conoscenze nella Lazio, anche nella dirigenza e mi portava spesso con lui, allo stadio e alle cene con i suoi amici, fin da quando ero piccola piccola, quindi sono cresciuta in questo ambiente. Per questo sono della Lazio, perché adoro mio padre. E poi non ho mai cambiato. Più di una persona mi ha detto ‘No, non puoi essere della Lazio’. Ma perché?». 

CURVA NORD – «Sono stata in Curva Nord, anche in Tribuna ed è un pochino che manco a dire il vero, mio figlio ha 6 anni e io manco da 7 anni. Adoro il clima da stadio, io sono romana al 100% e quando andavo a vedere il derby mi veniva la pelle d’oca. Vivo il derby da quando arrivano i tifosi al dopo partita e anche mentre giocano, io sento tutto e già l’emozione da casa è tanta ma quando vado allo stadio è un’altra cosa. Capisco perché la gente sia così appassionata».

LOTITO – «Lotito? L’ho conosciuto, a me lui è simpatico, lo trovo anche una persona in gamba, mi sembra che sappia gestire bene, no? Calciatori preferiti? Vi dico una cosa, avevo un ristorante di Sushi a Ponte Milvio e venivano qualche volta a mangiare ma spesso a fare il take-away Ciro Immobile e Senad Lulic e trovo che siano due persone veramente carine, simpatiche, umili e a modo, poi Ciro mi piace molto anche come calciatore, ma anche Milinkovic che è richiesto da tutta Europa. Scudetto? Voglio essere cauta».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy