Radu: «Saremo con Inzaghi fino alla morte! Stadio caldo? Non esistono tifosi come i nostri…»

© foto @LazioNews24

Alla vigilia di Salisburgo-Lazio, insieme al tecnico Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa Stefan Radu

Due gol da gestire per la Lazio, chiamata a conservare il 4-2 dell’andata per poter staccare il pass per le semifinali. In conferenza stampa, Stefan Radu ha presentato la sfida di domani:

Cosa vi ha messo più in difficoltà all’andata? La Roma in semifinale è più stimolante o preoccupante?

«Il Salisburgo è una squadra molto organizzata che corre tantissimo e molto preparata fisicamente. Per me è stata la più difficile di Europa League che ho affrontato. Sicuramente è stimolante ma per domani, ci spinge a vincere e a superare il turno».

Quale è il segreto di questa seconda giovinezza? Cosa vi ha dato Inzaghi in questi due anni?

«Non lo so, forse il cambiamento del ruolo perchè adesso sto facendo il centrale. Il mister ci ha dato un’altra faccia. Ci ha dato tutto. Siamo con lui fino alla morte».

Come stai fisicamente e cosa serve domani? 

«Sono stato quasi tre settimane fermo per un problemino. Sto cercando di riprendere la forma prima possibile, ho fatto una partita dopo due allenamenti in gruppo. Ho fatto un po’ fatica giovedì, infatti è stata la mia più dura in Europa League, però piano piano sto tornando in condizione. Domani metteremo il cuore come sempre per passare il turno. Sicuramente il mister già dal nostro risveglio ci dirà tutto quello che servirà per andare avanti».

Sei l’unico che era qui anche nell’unico precedente del 2009. Lo stadio caldo può incidere?

«Non credo conterà molto, siamo abituati a giocare con pressione e in stadi caldi. Anche noi giovedì avevamo quasi 50 mila persone allo stadio. Posso dire che i tifosi laziali non si trovano in giro».

Articolo precedente
Inzaghi: «Turnover? No, schiererò la formazione migliore! Radu e Parolo in campo dal 1′. Sulla Roma…»
Prossimo articolo
Calciomercato Lazio, Criscito si allontana: pronto il ritorno al Genoa