PRIMAVERA – Rossi fa 15 e completa la rimonta: la corsa della capolista Verona si ferma al “Fersini”

© foto www.imagephotoagency.it

Torna alla vittoria la Lazio, sempre con il brivido, sempre di rimonta. I biancocelesti fermano la corsa della capolista portandosi a 5 punti proprio dall’Hellas, caduta oggi sotto i colpi del solito Rossi.
Bonatti sperimenta un altro modulo, il 4-4-2: Tra i pali c’è Adamonis, in difesa Spizzichino, Dovidio, Miceli e Ceka; a centrocampo ci sono Bari e Folorunsho con Portanova a destra e Bezziccherri a sinistra; in avanti a fare da spalla a Rossi c’è Rezzi.

PRIMO TEMPO – Parte malissimo il pomeriggio della Lazio. Dopo 7 minuti l’arbitro Dionisi assegna un calcio di rigore agli ospiti per una spinta di Folorunsho ai danni di Stefanec. Lo stesso Stefanec va dal dischetto e batte Adamonis.
Biancocelesti che rischiano il tracollo un minuto più tardi, quando Tupta si gira all’interno dell’area e conclude verso la porta. Miracolo di Adamonis e risultato ancora sullo 0-1.
La Lazio è assente ingiustificata e rischia ancora; questa volta Adamonis non è perfetto e rischia sulla conclusione di Oxha, ma poi si salva in due tempi.
Il primo squillo capitolino arriva al minuto 26 dopo un’azione insistita di Rossi e Bezziccheri. Quest’ultimo prova il destro, Vencato si allunga e blocca senza problemi.
La prima frazione di gioco si conclude con una punizione di Folorunsho respinta con i pugni da Vencato.

SECONDO TEMPO – La Lazio esce trasformata dagli spogliatoi e preme subito il piede sull’acceleratore. Bezziccheri suggerisce per Rossi che conclude da posizione defilata e colpisce il palo esterno. L’appuntamento con il pareggio è solo rimandato a 4 minuti più tardi. Lancio di Portanova per Bezziccheri che al volo crossa al centro, dove ad aspettare la palla c’è pronto il piattone di Alessandro Rossi. 14esimo gol stagione per il capitano e risultato in parità.
Svolta della partita al minuto 71’, quando il terzino Badan viene espulso per doppia ammonizione in seguito ad un fallo molto pericoloso su Bari. Subito dopo la Lazio va vicina al vantaggio prima con Portanova, poi con Bezziccheri ma la mira non è delle migliori e il pallone si perde sul fondo.
Bonatti vuole vincere ed effettua un doppio cambio: Muzzi ed Al Hassan, per Portanova e Bari.
Al minuto 84, Alessandro Rossi si carica la squadra sulle spalle e la porta alla vittoria: il numero 9 avanza a testa bassa, vince un rimpallo e a tu per tu con il portiere avversario lo mette a sedere. Ora sono 15 le reti stagionali. Numeri da urlo per il bomber viterbese che ancora una volta veste i panni dell’attore protagonista. Con un Rossi così, niente è impossibile per questa squadra.