PRIMAVERA – Dovidio: “Giochiamo sempre per vincere e non molliamo mai. Adesso puntiamo al secondo posto!”

primavera
© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio Primavera, dopo un avvio complicato, sta tornando sui livelli che le competono. Con quella di sabato contro l’Empoli, sono cinque le vittorie consecutive. Per parlare di questa rimonta è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, il terzino biancoceleste Cristiano Dovidio: “Contro l’Empoli abbiamo giocato bene, siamo partiti con l’espulsione di Calì ma grazie alla concentrazione abbiamo portato a casa il risultato. In 10 abbiamo giocato bene, ci siamo messi bene in campo e non abbiamo buttato nessun pallone, sfruttando tutte le palle gol e abbiamo vinto. Dopo l’espulsione ho pensato che sarebbe stata dura, ma poi ho visto che ci aiutavamo a vicenda. Il mio ruolo? Dove mi mette il mister gioco, sono a disposizione della squadra. Mi trovo meglio come terzino destro ma anche da difensore centrale non faccio male. Chi è più difficile da marcare? Meglio un attaccante macchinoso che un giocatore piccolo e rapido. Ormai giochiamo con il 4-3-3 stiamo facendo bene, non credo che il mister cambierà la formazione”.

Sul momento attuale:“Siamo convinti che possiamo andare ancora più avanti, ci stiamo andando a prendere il secondo posto anche se sarà difficile, ci proveremo! La Roma? Il prossimo turno sarà un’occasione importante, se pareggiassero con il Palermo sarebbe ottimo per noi. La gara con l’Avellino non dobbiamo sottovalutarla, non dovremo essere presuntuosi, dobbiamo pensare che dobbiamo dare tutto noi stesso per vincere e portare a casa i tre punti”.

I segreti di questa rinascita: “L’uscita dalla Coppa Italia ci ha dato una scossa, dopo la sconfitta con l’Inter avevamo l’amaro in bocca perché meritavamo di passare noi. Dispiace, il calcio però è così. Cosa abbiamo ereditato dalla squadra dello scorso anno? Sicuramente il carattere e il non mollare mai, il fatto di giocare sempre per vincere anche quando siamo con un uomo in meno”.

Infine una battuta sulla grande stagione di Konko: “Come mi spiego la rinascita di Konko? Sicuramente la fiducia del mister è molto importante in questi casi. Lo è per noi così come nella prima squadra. Pioli gli ha dato fiducia e ora gioca più rilassato e tranquillo. A chi mi ispiro io? A Dani Alves!