La moviola di Frosinone-Lazio: il Var salva Fabbri, unico errore dell’arbitro

Fabbri
© foto www.imagephotoagency.it

È Fabbri l’arbitro di Frosinone-Lazio. Il direttore di gara, della sezione di Ravenna, è stato designato per il match dello Stirpe

Tocca a Fabbri dirigere la gara tra Frosinone e Lazio, sul campo dello Stirpe. Il fischietto della sezione di Ravenna è coadiuvato dagli assistenti Tasso-Santoro e dal quarto uomo Di Paolo. Ricopre il ruolo di addetto V.A.R. Mazzoleni, mentre l’A.V.A.R. è Passeri.

PRIMO TEMPO

25′ – Arriva la prima decisione per Fabbri: Ciano lanciato verso la porta di Strakosha cade in area di rigore per un contatto con Bastos. Il direttore di gara assegna, in un primo momento, il giallo all’angolano e il calcio di rigore ai padroni di casa. Poi sceglie di rivedere l’azione con la tecnologia e annulla la decisione, ripristinando anche la sanzione per il difensore biancoceleste;

29′ – Primo giallo (vero) del match: a finire sul taccuino dell’arbitro è Marco Parolo per un’entrata su Chibsah. Cartellino generoso;

36′ – Sblocca il match Caicedo! L’ecuadoriano porta in vantaggio la Lazio con un tiro potentissimo di sinistro, non può nulla Sportiello: rete del tutto regolare;

44′ – Ancora Caicedo che, stavolta, viene ammonito da Fabbri per una trattenuta su Viviano;

45′ – Un minuto di recupero.

SECONDO TEMPO

54′ – I giocatori del Frosinone chiedono il secondo giallo per Parolo: il centrocampista ci mette la gamba per togliere palla all’avversario. L’intervento c’è, ma non è volontariamente cattivo. Fabbri lo grazia;

61′ – Ammonito anche Leiva, appena entrato in campo, per evidente trattenuta;

66′ – Primo cartellino anche per il Frosinone: Ciano trattiene Berisha e finisce dritto nella lista dei cattivo

80′ – Sanzionato anche Strakosha per perdita di tempo;

90′ – Quattro i minuti di recupero decretati;

90′ + 2 – Fabbri estrae il giallo anche a Durmisi per proteste;

Articolo precedente
RipertFrosinone-Lazio 0-1, il tabellino e le pagelle
Prossimo articolo
Parolo: «Quel che conta è aver vinto, ma per andare in Champions…»