Liverpool-Roma, l’udienza preliminare: restano in carcere i due ultras giallorossi

scontri liverpool
© foto YouTube @DailyMail

Restano in carcere in Inghilterra i due ultras della Roma arrestati il 24 aprile scorso per gli scontri scoppiati con i tifosi del Liverpool in occasione dei quarti di finale di Champions League

Nonostante sia calato il silenzio sulla vicenda, ieri sono arrivate importanti notizie sui due ultras della Roma arrestati lo scorso 24 aprile per gli scontri scoppiati con i tifosi del Liverpool fuori dall’Anfield Stadium in occasione della gara d’andata dei quarti di finale di Champions League. Ieri mattina – riporta il Corriere della Sera – i ragazzi sono comparsi in video collegamento dal centro di detenzione di Preston all’udienza preliminare. Dopo circa un’ora, il giudice Alan Conrad ha deciso di rinviare il processo di Filippo Lombardi all’8 ottobre e di aggiornare la sentenza nei confronti di Daniele Sciusco. Il primo è accusato di lesioni gravissime nei confronti del tifoso irlandese Sean Cox, colpito al volto con una cinta nel corso dei tafferugli e tuttora in coma. Il giovane, in occasione dell’udienza, si è dichiarato non colpevole. Contrariamente, l’altro tifoso ha ammesso la sua partecipazione al parapiglia. Tutto è rinviato, dunque, ad ottobre. Nel frattempo i due rimarranno in carcere.

 

Articolo precedente
Ritiro pre-campionato, dopo Auronzo la Lazio volerà in Germania: in programma un’amichevole
Prossimo articolo
badeljCalciomercato Lazio / Badelj-Fiorentina, si allontana il rinnovo: Tare pronto all’assalto