Ledesma: «Roma mi manca, ma i laziali fanno sentire il loro affetto»

© foto www.imagephotoagency.it

Da due anni a questa parte la Lazio sta sentendo la mancanza di un leader a centrocampo, soprattutto nel momento in cui è assente Lucas Biglia. Il calciatore che riusciva ottimamente a svolgere quel compito era Cristian Ledesma. Da qualche mese veste la maglia del Panathinaikos e per commentare la sua situazione è stato contattato da Radiosei:

Sull’esperienza in Grecia…

«Sta andando tutto bene, sono andato in ritiro e prima volevano vedere le mie condizioni fisiche. Ho trovato un ambiente molto tranquillo e sereno. Qui è tutto molto bello, queste esperienze aiutano anche a crescere. Mi ha raggiunto anche la mia famiglia, c’è la scuola italiana per fortuna, poi siamo in una capitale perciò la qualità della vita è buona».

Sui tifosi del Panathinaikos…

«Il tifo è molto caldo, le persone assomigliano molto a quelle salentine. Ti fanno sentire subito a casa ed è importante come aspetto. Atene è una città meravigliosa, la crisi si vede, ci sono tanti locali chiusi, anche il costo della vita rispetto a Roma è molto diversa. Ogni volta che giochiamo in casa si respira sempre una bella sensazione».

Su Stramaccioni e lo staff…

«Stramaccioni è un mister molto preparato con lui si lavora molto bene. Lo staff è composto da grandi professionisti. È convinto delle sue idee e questa cosa per chi allena è fondamentale. Il percorso da fare è tanto per raggiungere le altre società, stiamo lavorando per tornare grandi. Mi fa piacere essere diventato subito un punto di riferimento. Il mister mi fa sentire un calciatore importante ed è quello che cercavo. Non conta quanto uno gioca, ma uno lo capisce subito quanto è importante nel progetto».

Sulla Lazio…

«Molto volte scherzo con Muzzi sul 26 maggio, che fa parte dello staff tecnico. Ho visto il secondo tempo contro il Milan, con questo modulo si farà fatica a segnare senza i movimenti dei centrocampisti». 

La nostalgia per l’Italia…

«Roma mi manca, per fortuna sono solo poche ore di viaggio e quando posso torno a casa mia per passare un pò di tempo con i miei amici. Saluto tutti i laziali che non mancano mai di farmi sentire il loro affetto».