Lazio, turnover ma non per tutti: ecco di chi non può fare a meno Inzaghi

Radu lazio
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore Simone Inzaghi è costretto a usare il turnover in Europa League per far rifiatare qualche calciatore: eppure c’è un leader di cui la Lazio non può fare a meno

Due cose sono certe in questa vita: la morte e il turnover in Europa League. Concetto un po’ forzato, ma neanche troppo. Ritorna il match del giovedì e come di consueto si mescolano le carte. Il tecnico Simone Inzaghi è costretto a cambiare ancora una volta le pedine del proprio scacchiere: tra infortuni e turni di riposo, l’undici iniziale sarà ricco di sorprese. Da Alessandro Murgia, a Davide Di Gennaro, passando per Felipe Caicedo, tutti con voglia di stupire e col bisogno di mettere minuti sulle gambe. Eppure, nel mare delle incognite, il mister biancoceleste mantiene una certezza. La Lazio non può permettersi di fare a meno di Stefan Radu: 225 presenze in Serie A, 34 nelle competizioni europee, la sua esperienza è determinante. Leader dello spogliatoio e capitano senza fascia, dovrà guidare la difesa e dare sostegno ai giovani Patric e Luiz Felipe. «La classe operaia è chiamata agli straordinari», titola il Corriere dello Sport. Mai metafora fu più azzeccata perchè, se il tempo passa, Stefan Radu resta sempre.