Lazio-Torino, dove seguire diretta TV e Live Streaming

Lazio-Torino
© foto www.imagephotoagency.it

Dove seguire diretta TV e Live Streaming di Lazio-Torino, match valido per la 19^ giornata del campionato di Serie A 2018/2019

Lazio-Torino / Prima della lunga sosta del campionato, la Lazio ospiterà il Torino di Walter Mazzarri nella diciannovesima giornata di Serie A. I capitolini, reduci dalle convincenti vittorie contro Cagliari e Bologna, sono quarti in classifica con 31 punti. I piemontesi, invece, occupano l’ottavo posto in classifica, collezionando finora 26 punti, con un cammino di 6 vittorie, 8 pareggi e 4 sconfitte. La partita tra biancocelesti e granata sarà trasmessa in esclusiva da Sky sui canali Sky Sport Serie A (202 del satellite, 373 del digitale terrestre) e Sky Sport (252 del satellite). La gara sarà visibile anche in streaming su pc, tablet e smartphone attraverso la piattaforma Sky Go.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND.

Lazio-Torino, la conferenza di Inzaghi

La Lazio torna all’Olimpico, dopo i risultati positivi raccolti nelle sfide contro Cagliari e Bologna, Simone Inzaghi vuole chiudere l’anno con altri tre punti. Sul campo dell’impianto romano, i biancocelesti sfideranno il Torino, in una gara che si preannuncia già interessante. Il mister dei capitolini, ha presentato così la partita durante la conferenza stampa della vigilia:

Da uomo di sport, cosa hai pensato dei fatti di Milano?
Sono cose che non devono capitare, il calcio è uno sport, bisogna lavorare sulle radici di ciò che accade. Così allontaniamo la gente dagli stadi, qui in Italia li vedremo sempre con meno gente e non è un bello spettaccolo. 

Chiudere a 34 punti basta o manca qualcosa?
Quest’anno tutte le squadre hanno meno punti in classifica, noi compresi. Siamo al quarto posto, la mia mente è sulla partita del Torino: l’ultima è sempre particolare perchè abbiamo sempre concluso lontano da casa.

Luis Alberto è un regalo di Natale?
Sappiamo quanto è importante e che tipo di giocatore sia. È tornato a stare bene ma è molto sensibile e attaccato al mondo Lazio. Ha avuto problermi ma non si è mai coluto fermare, è in grande crescita, sta smaltendo il brutto infortunio dello scorso anno. Formazione? Dovrò essere bravo a valutare per i giocatori. 

Capitolo razzismo, Ancelotti ha detto che la prossima volta sarà il Napoli stesso a fermarsi. Può essere la soluzione?
Penso di sì, l’ha detto Ancelotti, è uno di esperienza, l’ha ribadito Ulivieri. Può essere una strada per il futuro.

Domani ci stupirà o sarà una Lazio che tornerà all’antico?
Sicuramente giocheranno Immobile e Parolo, gli altri dovrò capire. Loro hanno riposato mercoledì, gli altri devo valutare le risposte che mi daranno. I ragazzi sanno che sto cambiando, metterò in campo la formazione migliore per affrontare l’avversario. Domani dovremo essere umili, ma consci della nostra forza.

Come sta Leiva?
A volte si hanno pensieri che non si riescono a mettere in pratica in partita, volevo farlo giocare a Bologna massimo 70 minuti, poi mi era rimasto un cambio ed ero indeciso tra lui e Milinkovic. Leiva ha finito la partita bene, ora dovremo analizzare le sue condizioni con lo staff e il ragazzo.

Luis Alberto al centrosinistra può farlo diventare un isostituibile?
Luis ha tantissima qualità, è intelligente e sa muoversi in mezzo al campo. So che è uno che sa trovare la sua posizione, ha fatto anche il vertice basso, può giocare mezzala a destra o sinistra, è una grande risorsa per noi.

È preoccupato per gli arbitri?
Io devo pensare di incidere su quello che posso: la squadra e i giocatori. Sul resto, che sta fuori, io non posso incidere e faccio solo quello che posso. 

Manca qualche punto alla Lazio, magari perso con la Samp o a Bergamo?
Sicuramente. Avremmo dovuto avere qualche punto in più, ma la classifica dice questo. Dobbiamo tenere il passo come nelle ultime giornate, ma è un campionato altamente competitivo.

La penalizzazione subita a Torino, lo scorso anno, è un incentivo afare bene domani?
Senz’altro, lo scorso anno lo ricordiamo tutti: dovevamo avere un rigore ed è stato espulso Immobile. quella sconfitta immeritata contro il Torino, ai fini della classifica, ci costò tanto.

Il Torino può ambire al quarto posto?
È una squadra sicuramente molto organizzata, con ottimi giocatori, è stato investito tanto sul mercato ed hanno un grande allenatore. Squadra molto qualitativa che rimarrà agganciata al treno Europa, che si risolverà – a parere mio – nelle ultime 6 o 7 giornate.

È stato difficile convincere Luis Alberto giocare più arretrato?
Non ha problemi, è un giocatore molto molto intelligente. Capisce quello che chiede l’allenatore e fa tutto: prima di Leiva ha fatto anche il vertice basso. Ha un’intelligenza calcistica che mette a servizio dei compagni e della squadra.

Lazio-Torino, le probabili formazioni

PROBABILI FORMAZIONI LAZIO-TORINO:

LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Radu; Marusic, Milinkovic, Leiva, Parolo, Lulic; Luis Alberto; Immobile. A disp.: Proto, Guerrieri, Wallace, Bastos, Patric, Lukaku, Cataldi, Murgia, Badelj, Correa, Caicedo, Rossi. All.: Inzaghi.

Indisponibili: Berisha, Durmisi
Squalificati: nessuno
Diffidati: Parolo, Immobile

TORINO (3-5-1-1): Sirigu, Izzo, N’Koulou, Moretti; De Silvestri, Baselli, Rincon, Meite, Ansaldi; Iago Falque; Belotti. A disp.: Ichazo, Rosati, Djidji, Lyanco, Bremer, Aina, Lukic, Soriano, Parigini, Berenguer, Edera, Zaza. All.: Mazzarri

Indisponibili: nessuno
Squalificati: nessuno
Diffidati: Izzo

ARBITRO: Massimiliano Irrati della sezione di Pistoia
ASSISTENTI: Peretti-Schenone
IV UOMO: Nasca
VAR: Orsato
AVAR: Costanzo