Lazio-Roma, in Questura si studia il piano sicurezza: i dettagli

© foto www.imagephotoagency.it

Lazio-Roma, 3mila agenti saranno impegnati a mantenere l’ordine pubblico: i dettagli del piano sicurezza saranno discussi oggi in Questura

 

AGGIORNAMENTO ORE 16:00 – Vista l’evento ad alto rischio, come si legge su romatoday.it – già da oggi scatteranno le prima misure di sicurezza. La Questura dunque sta studiando il piano per il derby.  Il tutto in attesa del consueto Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza che si terrà venerdì. Già stabilite le deviazioni dei bus e le limitazioni al traffico. Dalle 15 di sabato scatterà il piano divieti di sosta e chiusure nell’area del Foro Italico. Per quanto riguarda il trasporto pubblico, l’area del Foro Italico sarà raggiungibile con il tram 2, che viaggia da piazzale Flaminio (stazione Flaminio metro A) a piazza Mancini, e con le linee di bus: 23, 31 (da Laurentina-metro, 32 (da piazza Risorgimento, passa anche per Ottaviano metro A), 69, 70, 200, 201, 226, 280, 301, 446, 628, 910 e 911. I supporters della Lazio possono parcheggiare i propri mezzi nelle aree “XVII Olimpiade” e “Tor di Quinto” mentre i tifosi della Roma nell’area “Clodio” e “Cipro”. Lungotevere Maresciallo Cadorna; Ponte Duca D’Aosta; -Lungotevere Diaz nel tratto compreso tra Piazzale De Bosis e Largo Mareciallo Diaz (con cambio nel senso di marcia su Via Robilant); Lungotevere Oberdan e Lungotevere della Vittoria saranno invece chiuse al traffico.

PIANO SICUREZZA DERBY – Nessun provvedimento di ordine pubblico, il fischio iniziale di Lazio-Roma è confermato per le ore 20.30. Il prefetto dunque ha dato fiducia ai tifosi, ma per quanto riguarda la parte organizzativa non andrà commesso alcuno sbaglio. Oggi ci sarà il tavolo tecnico in Questura per mettere a punto i dettagli del piano sicurezza. Intanto è già certo che per la gara (e quindi si intende dentro e fuori lo stadio) saranno chiamati in causa 3mila agenti tra municipale, carabinieri e polizia. Per le istituzioni capitoline ovviamente l’obiettivo principale sarà evitare il contatto tra le tifoserie: come si legge sull’edizione odierna di “Leggo”, le forze dell’ordine da oggi avvieranno controlli a tappetto nelle aree limitrofe allo stadio Olimpico, per poi cominciare a dividere le aree di sicurezza in cui i controlli procederanno per step fino all’ingresso dell’impianto sportivo.