Lazio, Inzaghi: «Rinnovo? Con la società andiamo tutti in un’unica direzione…» VIDEO

© foto www.imagephotoagency.it

Simone Inzaghi, allenatore della Lazio, a SkySport dopo la sfida col Crotone:

Un campo difficilissimo quello dell’Ezio Scida. Il maltempo e il Crotone, però, non hanno piegato la Lazio che, coi gol di Immobile e Correa, torna a Roma con i tre punti. Al termine del match, ecco le parole di mister Inzaghi a Sky Sport:

 «Immobile è stato bravissimo. Scusate la voce (è un po’ afono nel post gara, ndr), ma abbiamo preso il temporale. Ha fatto un gol molto bello e abbiamo vinto contro un’ottima squadra che gioca bene.

Acerbi sta avendo un rendimento eccezionale. E’ un titolare della Nazionale che merita tutto per la volontà e la dedizione che mette.

Le nostre problematiche sono state legate al Covid e agli infortuni. Ho dovuto cambiare Parolo e Fares, entrambi ammoniti, e avevamo la partita in mano. Oggi avevamo Escalante, Lulic, Strakosha e Milinkovic a casa.

Immobile sta facendo grandi numeri e oggi con Correa ha fatto grandi cose. Se lo merita Correa, che è arrivato venerdì dall’Argentina. Caicedo sta facendo parlare con i numeri e Muriqi che si sta inserendo col migliore dei modi

Rinnovo? Penso che se ne sino dette tante. Sono qui da 21 anni e sto benissimo. Col presidente ho un rapporto. Con lui, Tare, Peruzzi e De Martino andiamo in un’unica direzione. Ci saranno delle trattative e vedremo il da farsi.

Luis Alberto? Sa di aver sbagliato e si è scusato. La società lo multerà, ma io avevo l’obbligo di metterlo in campo nelle migliori condizioni. Non deve sprecare il suo talento così».

Le parole di Inzaghi in conferenza stampa

«Vittoria importante e merita contro un’ottima squadra che gioca bene a calcio. Bravi i ragazzi a non incassare gol, merito di tutta la squadra. Abbiamo rischiato poco contro un Crotone che ha messo in difficoltà tutti.

Luis Alberto e Immobile? Tutta la squadra è da menzionare, mi sono piaciuti molto Fares e Parolo, sostituiti dopo 45′ solo perché ammoniti. Adesso recuperiamo energie e pensiamo alla partita di martedì contro lo Zenit».