Lazio, Fiore: «Assegnare lo scudetto non è una priorità»

© foto www.imagephotoagency.it

Lazio, le parole dell’ex biancoceleste Stefano Fiore in merito a quanto sta accadendo nel mondo del calcio

L’ex giocatore della Lazio, Stefano Fiore, ha rilasciato un’intervista sulle pagine de Il Tempo in cui dice la sua in merito alla situazione che stiamo vivendo in Italia e anche a quelle che saranno le conseguenze nel mondo del calcio.

«Da sempre il calcio è mosso da grandi interessi economici, penso che anche stavolta le scelte siano dipese da questo. In principio il Governo aveva sottovalutato il rischio di una pandemia ed il calcio ha pensato ancora di più di poter sminuire un problema che è sfuggito di mano a tutti. Ci si è fermati solo quando la situazione è diventata drammatica. Ma la cosa che mi ha dato più fastidio è che dalle altri parti si sia continuato a giocare nonostante quello che stesse succedendo in Italia. Ero sconcertato e la Spagna ha pagato a caro prezzo questo comportamento. Polemica Lotito-Agnelli? Sto seguendo poco, ho sentito di questo battibecco ma credo che tutto debba essere ricondotto all’aspetto umano. In questo momento il calcio non può scindere dal fattore umano. Dobbiamo avere del buonsenso, pensare che il bene comune sia quello di restare a casa, non muoversi e aspettare che la situazione sia migliorata per poter ritornare a fare la vita di prima. Assegnare lo scudetto? Non è una priorità, pazienza se qualcuno è capitato nella stagione più sfortunata nel dopoguerra. Non si possono fare contenti tutti».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy