Biglia: «Partita importante, vogliamo vincere con una big»

Biglia Milan Lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Nel pre-partita di Lazio-Milan, ha parlato il capitano biancoceleste, Lucas Biglia, pronto a guidare i suoi compagni in un’altra battaglia

Prima di scendere in campo, Lucas Biglia è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio: «Questa è una partita importante, abbiamo l’opportunità di vincere contro una grande. Mancano però ancora 14 partite al termine del campionato. Vogliamo imparare ancora, vincendo. Giochiamo davanti i nostri tifosi dopo la sconfitta immeritata contro il Chievo. Quello che abbiamo fatto contro il Pescara non basta, dobbiamo giocare come fatto a Milano con l’Inter in Coppa Italia.  Abbiamo sia quantità che qualità e per vincere serviranno entrambe le cose, se giochiamo con qualità poi arriva anche la quantità. Tutti devono essere a disposizione e fare il proprio meglio, poi il risultato sono sicuro sarà positivo». Il capitano della Lazio a Premium Sport ha aggiunto: «Per dimostrare realmente il nostro valore dobbiamo vincere contro una big. Siamo in grado di farlo, lo abbiamo dimostrato in coppa. Dobbiamo crescere e imparare dalle sconfitte ma anche dalle vittorie, oggi è una bella opportunità: servono i tre punti per continuare a vincere e salire al quarto posto. Confronto con Keita? Giusto confrontarsi, è stato utile per entrambi, non sempre i più esperti hanno ragione». Il Principito interviene anche a Sky Sport: «Manca tanto alla fine del campionato, ma vincere con chi lotta per l’Europa è importante. Vogliamo vincere contro una grande, ne parliamo nello spogliatoio e non vediamo l’ora di sfatare questo tabù. Non è facile arrivare in alto, sicuramente le grandi hanno qualcosa in più, ma vogliamo diventarci anche noi. Tutto sommato è risolta la lite con il tifoso dopo il Chievo però non è stata una bella figura davanti ai miei figli». 

Articolo precedente
FiorentinaOscar Damiani: «Stasera conterà molto il centrocampo, Parolo? È l’arma in più»
Prossimo articolo
vangioniVangioni: «Siamo venuti a Roma per vincere»