Italia, Buffon: «Ci tengo a poter dare il mio contributo. Questa è una Nazionale che è sottostimata, ma...»
Connettiti con noi

Hanno Detto

Italia, Buffon: «Ci tengo a poter dare il mio contributo. Questa è una Nazionale che è sottostimata, ma…»

Pubblicato

su

Italia, Buffon: «Ci tengo a poter dare il mio contributo. Questa è una Nazionale che è sottostimata, ma…». Le parole dell’ex portiere

Gianluigi Buffon ha parlato in conferenza stampa in vista del debutto dell’ Italia agli Europei contro l’Albania di sabato. Di seguito le sue parole.

AVVICINAMENTO ALLA COMPETIZIONE – «Avevo molta curiosità di vedere i miei sentimenti, come mi sarei preparato in un altro ruolo, in un’altra veste. E ormai da 4-5 giorni le sensazioni, le situazioni che rivivo sono analoghe: il grado di adrenalina, attenzione e lucidità è aumentato in maniera notevole rispetto ai primi giorni. Ci tengo a poter dare il mio piccolo contributo e che tutti noi si possa fare delle cose belle».

VALORE DELLA NAZIONALE – «Secondo me questa è una Nazionale che probabilmente è sottostimata, ma è una squadra molto competitiva innanzitutto per lo spessore umano dei ragazzi che la compongono. Questa è la cosa che mi ha sorpreso di più e mi ha fatto più piacere, il percepire senso di appartenenza verso questa maglia. E poi il loro atteggiamento: con umiltà e spirito di servizio sono a disposizione di ogni linea guida che l’allenatore e la Federazione gli trasferisca. Detto questo, ci sono 4-5-6 elementi che sono il top a livello mondiale. Oltre al gruppo, abbiamo anche le individualità giuste per disputare una bella competizione».

SE ANDRA’ A DUISBURG E PORTIERI – «No, lo lasciamo tra i ricordi perché molte volte il ricordo è molto più bello rispetto alla realtà. Donnarumma credo sia un punto fermissimo della nostra Nazionale, un punto di forza: con la Bosnia ha fatto una parate eccezionale, con un quoziente di difficoltà 9.9 periodico. Questo ci dà ulteriori sicurezze perché sai di avere una baluardo alle spalle anche quando sei in difficoltà. Vicario è un portiere affidabilissimo, sta vivendo una parabola eccezionale e l’esperienza in Premier gli ha fatto fare uno step ulteriore. E poi c’è Meret che non è l’ultimo arrivato: per quel che riguarda i portieri, l’Italia ha di nuovo a disposizione una fucina di talenti come non si vedeva da tantissimi anni».

Copyright 2024 © riproduzione riservata Lazio News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 46 del 07/09/2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.