Inzaghi: «Della Lazio si parla poco, anche quest’anno lotteremo per la Champions». Sul mercato…

© foto www.imagephotoagency.it

La conferenza di Inzaghi, tecnico della Lazio, alla vigilia della trasferta contro la Sampdoria, valida per la 1^ giornata di Serie A 2019/20

Ricominciare, col piede giusto. A Marassi la Lazio vorrà fare bene esordendo con una vittoria nel campionato di Serie A 2019/20. Avversaria la Sampdoria, un avversario non semplice da affrontare, dell’ex allenatore della Roma Di Francesco (QUI le sue dichiarazioni). Come avviene alla vigilia di ogni gara, il tecnico Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa presso il Centro Sportivo di Formello per esprimere le proprie sensazioni sulla partita di domani sera. «In questi anni abbiamo vinto ma quel che è stato, è stato. Vogliamo continuare a crescere e arrivare in Champions. I ragazzi si sono allenati bene e i nuovi si stanno inserendo. Lazzari è stato avvantaggiato, sia per il modulo che utilizziamo sia perché è italiano, gli altri venendo da altri campionati ci metteranno un po’ di più. Però sono molto soddisfatto».

Il punto sugli infortuni e la  formazione di domani?

Non ci saranno Wallace, Jony e Lukaku. Jordan l’ho visto bene, tra un po’ tornerà in gruppo. Caicedo e Leiva stamattina hanno fatto l’intera seduta, ho avuto riscontri positivi. Ho ancora qualche dubbio in regia, ho tre calciatori in quel ruolo. Marusic è da martedì che si allena bene, ma ha un mese in meno di preparazione. Lazzari ha dato grande disponibilità.

La griglia di partenza della Serie A non vede la Lazio…

Questo è il mio quarto anno, si parla poco della Lazio, siamo dietro nella griglia iniziale ma anche quest’anno saremo lì a giocarci posti importanti in classifica e finali nelle coppe

Rosa completa? Arriverà qualcosa dal mercato?

C’è un grandissimo rapporto con la società, parliamo tutti i giorni. Se ci sarà l’occasione faremo qualcosa in avanti, anche se nei prossimi giorni Caicedo dovrebbe rinnovare il contratto. Poi ho due calciatori giovani come André Anderson e Adekanye. Purtroppo il mercato è ancora aperto, avrei preferito che si chiudesse in anticipo.

Il calendario e l’esordio con la Samp?

L’inizio di campionato non è come lo scorso anno ma poco ci manca, sarà un avvio impegnativo. Rispetto molto Di Francesco, è un tecnico che ha disputato una semifinale di Champions League. La Samp è una squadra aggressiva, non sarà semplice, Marassi è uno stadio caldo, dovremo essere bravi a disputare una partita da Lazio

Le condizioni di Milinkovic?

Sergej è un nostro top player, ha fatto 35 giorni straordinari, ora è tornato in gruppo dopo il problema all’anca, se sarà garanzie domani potrebbe giocare

Vavro? 

Mi porterò fino a domani il dubbio tra Luiz Felipe e Vavro, il quale sta dando grande disponibilità, sta facendo bene, chiede consigli. A differenza di Lazzari non conosce la lingua e non giocava con questo modulo. Luiz Felipe è rientrato nel migliore dei modi.

Il mercato? 

Quello che mi premeva più di tutto è che si sistemasse la vicenda Caicedo. Non è il massimo giocare con il contratto in scadenza. Stiamo monitornando assieme al direttore e alla società. Se ci sarà l’occasione per migliorare la faremo, altrimenti rimarremo così.

Correa? 

Il Tucu è in continua crescita, aveva chiuso bene la stagione e si sta allenando al meglio da iniziò stagione, spero possa ancora migliorare, è un elemento di estro, libero di svariare per il campo sempre in tandem con l’altro attaccante

Cosa servirà domani?

Chiedo aggressività, è impossibile possa esserci per 90’, in alcuni momenti della partita cambieremo il modo di giocare, la Sampdoria è una squadra organizzata ma noi vogliamo esordire nel migliore dei modi