Felipe Anderson, il sogno Olimpiadi si allontana: la Lazio nega la partenza al brasiliano

felipe anderson lazio
© foto www.imagephotoagency.it

AGGIORNAMENTO ORE 09.30 – La presenza di Felipe Anderson alle Olimpiadi non è per nulla una certezza, il sogno di giocare a Rio per la Nazionale verdeoro è in controtendenza con le ambizioni della Lazio. Sempre il portale Globoesporte riporta le preoccupazioni della Federazione sudamericana per l’orientamento del club biancoceleste, che quasi certamente non permetterà alla propria stella di aggregarsi alla selezione. La società e Bielsa vogliono portare l’ex Santos in ritiro ad Auronzo. Il tecnico argentino vuole parlarci e farlo allenare per trasmettergli il suo metodo di lavoro, il suo gioco e i suoi schemi. Partecipando alla rassegna olimpica, in programma dal 5 al 21 agosto, il brasiliano salterebbe sia il pre-campionato che le prime due giornate di Serie A. Troppo per convincere la Lazio a lasciarlo partire. L’Olimpiade non rientra nelle date Fifa e le squadre quindi non hanno obblighi nei confronti delle Nazionali e dei propri tesserati.

 

Ritorno alle origini per Felipe Anderson. L’esterno biancoceleste oggi è stato ospite della società sportiva Kandango, club brasiliano dove ha iniziato la sua carriera da giocatore. Un’occasione speciale, dove Felipe è stato accolto da tantissimi bambini e per l’occasione ha donato anche diverse attrezzature per la crescita del centro sportivo: “Ogni volta che torno qui nella mia città e ritrovo i tanti bambini del progetto è un modo per incoraggiarli ulteriormente sui valori dello sport – ha dichiarato ai microfoni di globoesporte.com -. Soprattutto su come può trasformare la vita, così come ha fatto con la mia. Non tutti diventano atleti, ma la cosa importante è essere bravi cittadini ed ottime persone”. Tra un po’ a Rio scatteranno i giochi olimpici e il brasiliano è già pronto: “Sto respirando il clima delle Olimpiadi e vivo l’attesa della chiamata finale. Le persone che si prendono cura di me stanno parlando con Lazio per ottenere il consenso definitivo a poter partecipare. La speranza è che tutto vada bene. Vivrò un sogno nel difendere il Brasile nel nostro Paese. Nel caso la mia partecipazione venga confermata, darò tutto me stesso per conquistare l’oro”.