Djordjevic in uscita, il sogno per l’attacco è Eder

© foto www.imagephotoagency.it

Sta per cominciare il consueto “valzer degli attaccanti” di gennaio, quello a cui spesso e volentieri la Lazio ha partecipato solo da spettatrice. Quest’anno forse potrebbe essere diverso, perché Djordjevic ha chiesto di andare via e il Genoa (oltre al Lione) è pronto ad accontentare la sua voglia di cambiare aria offrendogli una maglia in Liguria. A quel punto, per evitare di restare con il solo Immobile come centravanti di ruolo, il club biancoceleste sarebbe obbligato a prendere un sostituto.

 

TRA PALOSCHI E SIMEONE, IL SOGNO È EDER – Il primo a essere stato proposto è Alberto Paloschi dell’Atalanta (con la quale resta in ballo anche il cartellino di Berisha), che con Gasperini non è mai riuscito a trovare spazio in questa stagione. La pista non dispiace a Simone Inzaghi, ma al momento non convince del tutto la società che vorrebbe qualcosa di diverso. Per questo si è provato a intavolare un discorso per Giovanni Simeone del Genoa, in una sorta di scambio proprio con Djordjevic, ma il Grifone adesso non intende privarsi del Cholito a campionato in corso e ha rimandato il discorso al termine della stagione. Discorsi aperti anche con l’Inter, che qualche settimana fa ha proposto il cartellino di Rodrigo Palacio. La Lazio ha declinato l’invito e ha rilanciato chiedendo informazioni per Eder, che con l’arrivo di Pioli ha giocato appena 101 minuti in 6 partite di campionato. L’operazione renderebbe molto felice Simone Inzaghi, ma è complicata: sull’italo-brasiliano ci sono anche i ricchi cinesi (già rifiutati in estate) e soprattutto il Sassuolo, magari nell’ambito di una trattativa per portare Berardi e Acerbi all’Inter. Intanto, con il Crotone in coppia con Immobile davanti giocherà probabilmente Djordjevic.

 

BIGLIA IN STAND-BY, HOEDT VALUTA OFFERTE – Sarà un mese importante anche sul fronte rinnovo di Lucas Biglia. La Lazio ha la sua offerta pronta da tempo (2,5 milioni più bonus) ma il nuovo incontro con Enzo Montepaone, l’agente del regista argentino, non è ancora andato in scena nonostante fosse stato lo stesso giocatore qualche settimana fa a parlare di un meeting imminente nel mese di dicembre. Dal suo entourage circola molto pessimismo riguardo un possibile prolungamento del contratto con relativo adeguamento, probabile faccia parte di una strategia per attendere qualche offerta in questa sessione di mercato (nel caso il ds Tare si è cautelato sondando il terreno per Marko Vejinovic del Feyenoord). Se non dovessero arrivare proposte concrete, allora, quella della Lazio avrebbe più possibilità di essere accettata. Di offerte ne sono già arrivate invece per il difensore olandese Hoedt, precisamente da Amburgo e West Ham che lo vorrebbero in prestito per i prossimi sei mesi. L’ex Az vorrebbe approfittarne per trovare continuità di rendimento, ma la società biancoceleste lo vuole confermare in organico. Quando de Vrij in estate lascerà con buone probabilità la Lazio per trasferirsi in Premier League (al momento non è in programma alcun incontro con i suoi agenti), Hoedt sarà uno dei tre centrali titolari in lotta per due posti insieme a Wallace e Bastos.

 

FONTE: Marco Ercole – Repubblica.it