Delio Rossi: «La Lazio di Inzaghi mi ha sorpreso. Questa squadra ha qualcosa in più della Fiorentina»

© foto www.imagephotoagency.it

Ai microfoni di Radio Sei è intervenuto il doppio ex Delio Rossi. L’ex tecnico biancoceleste ha analizzato il match di domenica e il buon momento che sta attraversando la la Lazio di Inzaghi: «Io mi auguravo una Lazio così, ho grande rispetto di Simone, l’anno scorso è entrato a campionato in corso e non aveva pressioni. Ricominciare quest’anno non era facile anche dopo la trattativa Bielsa: sta facendo benissimo, ho visto giocare la Lazio e mi ha sorpreso. Credo che continuerà così, anche perché la Lazio ha ottimi giocatori, bisogna dare atto a chi l’ha costruita di aver fatto un bel lavoro. È stato trovato un degno sostituto di Klose come Immobile, poi si è dato continuità a Keita e Anderson, il resto della squadra è ottimo. Inzaghi ci ha messo del suo. Champions League? Si può fare. È normale ci sia concorrenza, ci sono squadre che possono fare benissimo oppure possono crollare in classifica, molto dipenderà da come si arriverà a marzo, anche a livello di uomini e infortuni. Lotito non ascolta molto i consigli: la mia Lazio è una squadra che poteva avere un ottimo futuro, c’erano Radu, Lichsteiner, Kolarov, solo per dirne alcuni. Anche ora ci sono molti giocatori di prospettiva con qualche innesto importante può diventare una grandissima squadra. Io non credo che il presidente farà una grande campagna acquisti a gennaio, però si potrebbero comprare un paio di giocatori funzionali per continuare su questa squadra. Rinforzi? Tare insieme a Inzaghi starà pensando a che tipo di giocatore può essere utile, io per esempio penso che Lapadula potrebbe essere funzionale alla Lazio e potrebbe giocare anche vicino a Immobile. Paloschi? È più un finalizzatore, è uno che attacca la profondità e gioca sulla linea del fuorigioco. Probabilmente se lo metti con Immobile devi cambiare stile di gioco, non so quanto può essere conveniente». Poi si parla del match con la Fiorentina: «È una squadra che può arrivare terza come ottava, si sta ritrovando in questo momento: forse ha perso qualcosa rispetto all’anno scorso. La Lazio che ho visto a Genova ha qualcosa in più».