Klose: “I tifosi per sempre nel mio cuore. Chiamate da Lotito? Zero, non ho deciso io di andare via…”

© foto www.imagephotoagency.it

Danke Miro, si congeda con un gol il bomber tedesco. La sconfitta contro la Fiorentina passa in secondo piano, oggi è il Klose Day. Il Panzer resterà per sempre nella storia biancoceleste con i suoi 64 gol (63 per la Lega, ndr). Al termine del match non ha nascosto la sua emozione: “Mi hanno fatto un po’ pressione non tiro i rigori (ride, ndr) – ha dichiarato Klose ai microfoni di Mediaset Premium -. Forse era meglio che lo tiravano Candreva o Felipe Anderson. Emozionato? No (ride). Quale gol scelgo? Il primo nel derby, perchè quello mi ha regalato una grande emozione, anche per la squadra. Ho visto piangere delle persone per quel gol. Ultima partita per me? Non lo so, ho detto al mio procuratore di risentirci dopo la stagione, vediamo cosa c’è sul tavolo e poi decidiamo. La partita che mi resterà nel cuore? La finale di Coppa Italia contro la Roma, è stata una gioia per tutti”.

A Lazio Style Channel il tedesco ha aggiunto: “Per me è stato un onore indossare la maglia della Lazio, posso solo ringraziare questi tifosi che dal primo giorno ad Auronzo mi hanno accolto nel migliore dei modi. Dietro di me c’è una grande famiglia e una moglie che mi sostiene, sono loro che mi trasmettono la forza giusta per andare in campo. Record? Sono contento di condividere il podio con un amico come Goran. Mi mancano le parole per descrivere l’affetto dei tifosi, ho visto gente piagere sugli spalti e queste persone mi hanno trasmesso grandi emozioni sono stati fantastici, in questi 5 anni ho imparato tanto da loro. Un giorno potresti tornare alla Lazio? Forse come allenatore…(ride, ndr). Due mesi fa ho detto al mio procuratore che a fine stagione avrei deciso il mio futuro, ho ancora voglia di giocare e penso di trovare una buona soluzione“. 

 

Klose ha parlato anche in mixed zone: “Sono emozionantissimo, è stato tutto veramente bello. Sono riuscito a battere Pandev, lo conosco e per me è un orgoglio. La Lazio resterà per sempre nel mio cuore, non dimenticherò mai l’affetto dei tifosi. Il gol segnato nel derby all’ultimo minuto è stato davvero emozionante. Futuro? Non so che farò, ho detto al mio procuratore che mi voglio solo godere il momento ora, poi valuteremo il da farsi. Se Lotito mi ha chiesto di restare? Zero, non ha proprio parlato con me. Non posso fare tutto da solo, mica ho deciso io di andare via”. Un pensiero anche sulla spaccatura tra tifosi e società: “Non mi sento di dare nessun consiglio alla dirigenza”. 

Ecco le parole di Miroslav Klose ai microfoni di Sky Sport. «Se vedo la gente che mi acclama come stasera, ci sta di emozionarsi. Il rigore? Candreva era uscito, dopo ci sarebbe stato Lucas. Tutti volevano che lo tirassi, mi hanno messo un po’ di pressione, ma non ho sbagliato. Ricordi più belli? Il gol al derby a un secondo dalla fine, la Coppa Italia. E’ un piacere aver vestito questa maglia. Il futuro? Ancora non lo so, voglio ancora segnare e divertire. Ci metteremo a un tavolo e decideremo. Ambizioni? Solo la salute, il resto è solo un regalo».


PUBBLICATO ALLE ORE 23:01