Calvario Biglia, sono sette gli infortuni in un anno e mezzo di Lazio

© foto www.imagephotoagency.it

Quando Biglia si è disteso a terra dopo il contrasto con Sturaro piangendo ed urlando dal dolore, è calato il gelo sulla panchina laziale. Come ha detto il medico Salvatori, tutti pensavano ad un infortunio molto grave, che poi gli esami strumentali hanno smentito. Il regista argentino starà fuori per circa tre settimane, salterà le sfide contro Chievo, Udinese, Napoli, Genoa e Verona per tornare nell’andata dei sedicesimi di Europa League contro il Galatasaray. E’ il settimo infortunio in un anno e mezzo per il numero 20 biancoceleste, che con la Lazio non è mai riuscito a trovare quella continuità che servirebbe moltissimo a lui e a tutta la squadra. In rosa infatti non c’è un giocatore con le caratteristiche tecniche di Biglia. Onazi non ha i piedi dell’argentino, Cataldi invece accusa un po’ l’inesperienza assolutamente normale per un ragazzo della sua età. Pioli però avrà sicuramente tirato un sospiro di sollievo: all’88° minuto di Lazio-Juventus nessuno avrebbe scommesso in uno stop di ‘sole’ tre settimane.