Connettiti con noi

Hanno Detto

Zauri: «Lazio Inter? Che ricordi e quel gol nel 2003…»

Pubblicato

su

Nel match program, è intervenuto Luciano Zauri. Ecco le parole dell’ex biancoceleste ai canali ufficiali della Lazio

Nel match program, in vista della prossima partita di campionato contro l’Inter, è intervenuto Luciano Zauri. Ecco le parole dell’ex biancoceleste ai canali ufficiali della S.S.Lazio.

LAZIO INTER 2003 – «Quel gol ancora lo ricordo, è stato un gol molto importante nella mia prima stagione alla Lazio e che in termini di gol è stata anche la più proficua. E stata una partita bellissima e mi ricordo che Mancini mi mise dentro nel secondo tempo, ho ancora il ricordo scandito nella mente di quell’azione. Favalli che scambia con Delgado e sul secondo palo ci stavano Cannavaro e Corradi in scivolata insieme non riuscendo a colpire il pallone. Arrivai io poggiando con il piattone il pallone in rete. Si vide tutta la mia felicità nell’esultanza, e l’abbraccio con Negro e Stankovic».

RICORDI – «I gol con l’Inter insieme al gol in champions da capitano li metto insieme allo stesso posto. Poi metto la vittoria in Coppa Italia a fine stagione, e poi al terzo posto metto un po’ tutta l’annata che ci portò in Champions. In quell’anno partimmo con una penalizzazione e giocammo un campionato straordinario riuscendo ad arrivare terzi. Eravamo un gruppo spettacolare che si è unito nelle difficoltà ed è riuscito a fare una cosa straordinaria!».

LAZIO INTER OGGI – «Sarri è un grandissimo allenatore, aver preso lui significa che la Lazio ha voglia di cambiare modo di stare in campo e di giocare. I cambiamenti hanno bisogno di tempo e ci vuole pazienza. La Lazio di Sarri si è vista a tratti ma ha grandi giocatori che possono interpretare al meglio il calcio sarriano. Non sarà semplice non sarà immediato. La sfida di sabato darà tanti stimoli e davanti ci sarà un Inter con l’amico-nemico Inzaghi che è partito molto bene in nerazzurro ed ha trovato il modo migliore per rendere al massimo. Sarà una partita emozionante fuori per chi vede, ma poi più si andrà avanti e più le emozioni scenderanno ed aumenterà il gioco. Vedremo tanti campioni in campo, mi aspetto una bellissima partita»