Tare a 360°: «Milinkovic l’acquisto migliore. Che rimpianto Cavani!». E su de Vrij…

calciomercato lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Il ds biancoceleste Igli Tare ha rilasciato una lunga intervista a Il Messaggero

Dieci anni di Lazio e non sentirli. La storia tra Tare e il club biancoceleste andrà avanti ancora per molto tempo. Il ds biancoceleste ormai è diventato un figura di riferimento per tutto l’ambiente e Lotito non ha nessuna di farne a meno. Tare ha riavvolto il nostro ai microfoni de Il Messaggero e ha parlato anche del suo futuro: «Il rinnovo sarà una formalità. E’ l’ultimo dei miei pensieri. Con il presidente Lotito c’è stima e fiducia reciproca. Ho dovuto imparare tutto da solo. Non è stato facile perché non avevo esperienza e soprattutto nessuno credeva in me. Il merito è di Lotito che ha visto più lungo degli altri affidandomi questo ruolo». 

GRANDI COLPI – «Sono state proprio le critiche quelle a farmi andare avanti. Io sono fatto così: più mi attaccano e più mi carico. Ero consapevole che prima o poi avrei raccolto i frutti del mio lavoro. Il colpo migliore? Sicuramente Milinkovic. Non solo perché è uno dei talenti più forti in circolazione ma anche perché sono riuscito a fargli mantenere la parola data all’inizio. Quello che brucia di più? Senza dubbio Cavani. In quel periodo non c’erano le condizioni “politiche” affinché potesse passare dal Palermo alla Lazio. Questa è sicuramente la Lazio più forte che ho costruito nei miei dieci anni, ma non ci si può sedere perché bisogna continuare a lavorare per raggiungere altri obiettivi. A Roma bisogna fare i conti con tutto. E’ fondamentale che l’ambiente sia unito. Le critiche vanno bene ma se sono costruttive. Sbagliato attaccare sempre a testa bassa alla prime difficoltà. E’ anche questo che fa fare il salto di qualità. De Vrij resta? Vedrete che sarà cosi», ha concluso Tare. 

Articolo precedente
KompanyAdesivi antisemiti, la Lazio rischia una gara a porte chiuse: ecco quando
Prossimo articolo
Candreva nostalgico: «26 maggio? Vittoria da brividi. La ricorderò per sempre!»