Marchisio: «Calcio industria del Paese, servono decisioni concrete»

marchisio
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex Juventus Marchisio ha commentato la delicata questione della ripresa del campionato: ecco le sue parole

La questione ripresa si fa sempre più spinosa e la sensazione è che tutto si deciderà nei prossimi giorni. Attraverso Tuttosport, anche l’ex giocatore della Juventus Marchisio ha detto la sua:

«In questo momento il calcio è nelle grinfie di questa situazione come qualsiasi altra attività, come qualsiasi persona. Ma se si parla di calcio bisognerebbe però sapere che si tratta di una delle prime dieci industrie del Paese, con un indotto molto importante e un movimento di massa che coinvolge milioni di persone di qualsiasi età. Il calcio non è solo l’élite di giocatori milionari che finiscono sulle copertine e sono i re dei social. Mi auguro che si torni a giocare. Me lo auguro perché voglio pensare in modo ottimista e perché amo il calcio e sinceramente mi manca. Ora leggo che il problema sarebbe il rischio di contagio e non vorrei che si aspettasse il rischio di contagio zero. Perché il rischio zero in uno sport di contatto non può esistere. Bisogna cercare di strutturare tutto al meglio perché il rischio sia minore possibile, se ci si aspetta che sia zero allora non si riaprirà mai». 

«La decisione sarebbe da rispettare, ma allora lo Stato dovrebbe prendersi delle responsabilità, perché in questo momento servono decisioni concrete per mandare avanti l’economia del Paese, economia di cui il calcio fa parte insieme ad altre tante aziende e settori fermi in questo momento. Mi spaventano le tante parole e i pochi fatti di quei decreti e mi preoccupo da imprenditore, io ho tre ristoranti. Le società di calcio fallirebbero senza la ripartenza, provocando la perdita del lavoro non solo dei giocatori, ma soprattutto dei lavoratori che contribuiscono al funzionamento della macchina». 

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy