PAGELLE Zenit-Lazio: Caicedo l’uomo dei finali, bene Sergej, ma che rischio! VOTI

© foto www.imagephotoagency.it

I top e flop e i voti ai protagonisti del match valido per la terza giornata del Gruppo F della Champions League 2020/21: le pagelle di Zenit-Lazio.

 

Termina  il match tra Zenit e Lazio, valido per la terza giornata del Gruppo F della Uefa Champions League 2020/21. Ecco le nostre pagelle:

REINA – Non può nulla sul tiro da distanza ravvicinata di Erokhin. Viene ammonito per perdita di tempo. Forse fa anche bene. VOTO 6

PATRIC – Non commette errori: questa volta non ha colpe sui gol. Dovrebbe cercare di servire maggiormente Marusic. VOTO 6

HOEDT – Troppo leggero in occasione del vantaggio russo: Dzyuba lo sovrasta, servendo ad Erokhin l’assist del vantaggio Zenit. In crescendo nella ripresa,
effettua un grande recupero in scivolata. VOTO 6

ACERBI – Si perde Dzyuba in occasione del vantaggio dello Zenit. Prova a spingere come lo si è visto fare da inizio stagione, si rifa con l’assist a Caicedo e salvando un gol sicuro nell’azione successiva. VOTO 6,5 

MARUSIC – Cerca spunti sulla fascia, a volte un po’ troppo nascosto, la difesa dello Zenit è arroccata e vanifica i suoi tentativi di cross. VOTO 6

AKPA AKPRO – Sempre puntuale nelle chiusure difensive, continua a dimostrare di saper gestire al meglio la pressione di palcoscenici cosi prestigiosi. Impreciso in alcune giocate, ma sempre prezioso. VOTO 6,5

PAROLO – Come contro il Bruges, si mette a totale disposizione della squadra. VOTO 6
Dal 52′ CATALDI – 
Detta subito bene geometrie, dà maggior dinamismo al centrocampo biancoceleste. VOTO 6

MILINKOVIC-SAVIC – Solita classe abbinata a sostanza: agganci e gestione di palla da stropicciarsi gli occhi. Sfiora l’eurogol col mancino. Rischia di rovinare tutto nel finale con un passaggio scellerato, ma il guardalinee annulla la rete di Dzyuba. VOTO 7

FARES – È vero che deve ritrovare la condizione e che è costretto agli straordinari, giocando ogni tre giorni, ma la Lazio ha bisogno di spinta sulla fascia. A sinistra, gli unici pericoli arrivano dai piedi di Acerbi. VOTO 5,5
Dal 59′ PEREIRA – 
Non sempre nel vivo della manovra, dimostra comunque buona tecnica ed iniziativa. Prova positiva. VOTO 6

MURIQI – Dopo la discreta prova contro il Torino, oggi sfodera sicuramente la sua miglior prestazione. Sempre nel vivo della manovra offensiva, sia quando c’è da impostare che quando bisogna andare alla conclusione. Qualche volta pecca di precisione. VOTO 6,5
Dal 59′ CAICEDO –
Serve un bel pallone a Correa, che l’argentino spreca. Pericoloso di testa, poi ci mette il suo zampino come sempre, deviando in rete il cross di Acerbi. È lui il vice Immobile. VOTO 7,5

CORREA – La sua qualità è sotto gli occhi di tutti, ma sbaglia troppi palloni quando cerca di duettare con i compagni. Nella ripresa vanifica tutte le potenziali palle gol. VOTO 5.
Dall’84’ LUIZ FELIPE 
Contribuisce a difendere il risultato nel finale. Lo fa bene. VOTO 6

All. INZAGHI –  La Lazio è in un momento di crisi legata alla situazione Covid, aggravata ulteriormente dall’esito dei tamponi della Uefa. La squadra morde poco nel primo tempo, nonostante conceda poco. Grandissima prova di carattere nella ripresa  VOTO 7