Connettiti con noi

Campionato

Pagelle Lazio-Salernitana: Pedro tuttofare, Luis Alberto torna Mago

Pubblicato

su

I voti e i giudizi ai protagonisti del match valido per la dodicesima giornata di campionato tra Lazio e Salernitana: le pagelle

Lazio e Salernitana sono scese in campo allo stadio Olimpico per la dodicesima giornata del campionato di Serie A. Le pagelle dei protagonisti del match:

REINA 6 – Parte non benissimo, sbagliando qualche rinvio. Ma, nel complesso, la sua è una partita dove interviene poco e niente. Ad aiutarlo infatti sono i legni.

HYSAJ 6 – Oggi appare un po’ più pimpante del solito, visto che si sovrappone molto spesso e mette anche qualche pallone interessante. Tiene bene in difesa, al di là di qualche grattacapo nella ripresa.

LUIZ FELIPE 6,5 – Si francobolla addosso a Simy, lasciandogli pochissimo spazio. Sembra in costante e continua crescita, mettendo in mostra un ottimo adattamento ai diktat sarriani (73‘ PATRIC 6 – Pochi grattacapi nei minuti finali).

ACERBI 6 – Ci mette esperienza e personalità, facendo vedere anche in fase offensiva. Anche oggi Ace porta comunque a casa la pagnotta.

MARUSIC 6 – A circa metà primo tempo, perde un pallone che sarebbe potuto essere sanguinoso. Ma è l’unica macchia di una partita ordinata e tatticamente intelligente.

MILINKOVIC 7 – Dominante dal punto fisico, tambureggiante negli inserimenti, come quello dell’azione del vantaggio. Molto spesso gioca quasi da seconda punta. Ed è per questo che è l’uomo in più in entrambe le fasi. Sempre più leader (78′ BASIC 6 – Dà il suo apporto nel controllare il risultato).

CATALDI 6,5 – Partita di quantità, qualità e sostanza. Convince sempre di più e sembra essersi preso definitivamente in mano il centrocampo della Lazio (78′ LEIVA 6 – Solo ordinaria amministrazione).

LUIS ALBERTO 7 – Ci mette quel sacrificio in più che gli chiede Sarri, ma oggi dispensa anche sprazzi di classe e belle giocate. E quello che fa sul 3-0 ne è la dimostrazione. Lo spagnolo è definitivamente ritrovato.

FELIPE ANDERSON 6,5 – Suo il filtrante da cui nasce l’1-0. Una giocata illuminante, che è la prima ciliegina sulla torta di una partita dove il brasiliano fa comunque il suo. La seconda è il lancio per Luis Alberto in occasione del tris (85′ ZACCAGNI s.v.).

IMMOBILE 6,5 – Segna e paradossalmente non fa nemmeno più notizia, come l’ennesimo palo in biancoceleste. Ancora una partita tutta corsa e cuore, anche se questo spesso lo porta a essere poco brillante sotto porta. Ma, con quei numeri, fa quasi strano dirlo…

PEDRO  7,5 – Partecipa all’azione del vantaggio. Si mette in proprio per il raddoppio, sfruttando un errore in disimpegno e trovando il terzo gol consecutivo in campionato. Inserimenti, tagli, sovrapposizioni, rientri, interdizione e un’infinità di palloni recuperati: è il tuttofare dell’attacco della Lazio. E sembra non stancarsi mai.