Connettiti con noi

Campionato

PAGELLE Lazio Roma: capolavoro Inzaghi, Lazzari e Luis Alberto devastanti VOTI

Pubblicato

su

I top e flop e i voti ai protagonisti del match valido per la 18^ giornata di Serie A 2020/21: le pagelle di Lazio-Roma

Al termine del Derby della Capitale, sfida valevole per la diciottesima giornata di Serie A tra Lazio e Roma, arrivano le pagelle ai protagonisti biancocelesti della nostra redazione.

REINA – Rischia una frittata al primo intervento del match, ma disputa un grande primo Derby. Sempre sicuro nelle uscite e nei lanci con i piedi. Miracoloso su Mancini nel finale, dove para sul primo palo. VOTO 7,5

LUIZ FELIPE –  Fondamentale in chiusura su Mkhitaryan nel primo tempo. Si addormenta su Džeko, causando l’ammonizione di Acerbi. Nella ripresa si permette il lusso di una veronica in chiusura difensiva, tanto bella quanto efficace. VOTO 7

ACERBI – Non sente la pressione della gara, i suoi interventi ostentano sicurezza. Oggi la retroguardia lo aiuta, non ha bisogno di fare gli straordinari. VOTO 7

RADU – Ci mette l’anima, quella che serve in occasioni importanti come il Derby della Capitale. Alla sua età, gioca sforna una prestazione impressionante. Conosce bene la stracittadina, da veterano qual’è, e ne mette un altro in cascina. VOTO 7,5

LAZZARI –  Fondamentale il suo pressing su Ibañez al 14′: il difensore giallorosso perde la palla, che arriva ad Immobile in occasione del vantaggio. Caparbio in occasione del raddoppio di Luis Alberto, dove serve perfettamente lo spagnolo dopo essere stato steso in area. Una scheggia impazzita, importante anche sulla terza rete. VOTO 9

MILINKOVIC-SAVIC – Rischia di commettere una grave ingenuità, fermando Mkhitaryan con il braccio. Con il contagiri il passaggio filtrante per Lazzari che da il “la” al raddoppio di Luis Alberto. Pau Lopez gli nega la gioia personale. Come sempre, domina la scena a centrocampo. VOTO 8

LEIVA –  si mette lì, dove non arriva il fisico ci arriva la testa. Vede un corridoio fantascientifico per Immobile. Importantissimo in alcuni contrasti decisivi VOTO 7,5

LUIS ALBERTO – Segna un gol molto simile a quello che aveva segnato nella passata stagione, incrociando all’angolino il passaggio perfetto di Lazzari. Dai suoi piedi nascono quasi tutte le ripartenze biancocelesti: chi parla di involuzione deve ricredersi. VOTO 9

MARUSIC – Molto, molto prezioso in fase di chiusura: almeno 3 interventi importanti nei pressi dell’area di rigore. Ormai è chiaro: la fase difensiva è il suo forte. VOTO 7

CAICEDO – Non si vede molto, ma il lavoro sporco che porta a termine è in realtà un aspetto molto positivo della sua prova. VOTO 6,5

IMMOBILE – Il primo tiro in porta è una telefonata a Pau Lopez. La seconda volta è quella buona: Ciro sfrutta l’errore di Ibañez e porta in vantaggio la Lazio, da rapace. Nella ripresa spazia su tutto il fronte d’attacco, da attaccante totale. VOTO 8,5

SIMONE INZAGHI – La Lazio è perfetta. 3-0, tre reti di scarto. Mette in campo la miglior formazione possibile: la squadra scende in campo aggressiva e con le idee chiare: al 14′ è già 1-0. Non si lascia spaventare dai gialli, effettua i cambi nel momento giusto: Akpa Akpro è una carta vincente. Simone scrive un’altra pagina di storia. VOTO 10

 

I CAMBI 

AKPA AKPRO – Entra, tocca bene alcuni palloni, serve a Luis Alberto l’assist del 3-0. Sembrava averne giocati almeno 10 di Derby. Poco da aggiungere. VOTO 7

ESCALANTE  – Entra bene, duettando a centrocampo soprattutto con Akpa Akpro. VOTO 6,5

PATRIC Non è chiamato a grandi interventi, ci mette attenzione e contribuisce alla festa biancoceleste. VOTO 6

HOEDT SV

MURIQI SV